Ultime News

Resoconto incontro del 19.05.2020 con il Capo gabinetto del Ministro Manfredi

Resoconto incontro del 19.05.2020 con il Capo gabinetto del Ministro Manfredi Oggi 19 maggio a...

Lettera al Ministro del MUR Prof. G. Manfredi : lockdown fasi 2 e 3, buoni pasto,lavoro agile Università

Il Coordinamento Nazionale della FGU Università informa che in data odierna è stata inviata una nota...

Sicurezza sul lavoro Fase 2 post lockdown - convocate dal Ministro Manfredi le OO.SS. dell'Università, della Afam e della Ricerca

Riguardante la  Fase 2 Sicurezza sul lavoro da Covid-19,  si terrà un incontro il 5 maggio pv per v...

Lettera al Ministro del MUR Prof. Manfredi ''Richiesta incontro urgente- Fase 2 Sicurezza da Covid-19

In riferimento alla “Lettera al Ministro del MUR Prof. Manfredi ''Richiesta incontro urgente- Fase 2...

Le Nostre Sedi sul territorio


Photogallery

Contratti
ARAN

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università

FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN

RSU

Quotidiani online
Link Utili

Codici di comportamento dei dipendenti pubblici: la relazione sulle Linee Guida Anac. Le violazioni possono essere causa di illecito disciplinare e finanche di licenziamento.

Presentata presso il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, durante un convegno di approfondimento e confronto, la Relazione del Gruppo di lavoro sulle Linee Guida ANAC sui codici di comportamento dei dipendenti pubblici. I Codici di comportamento dei dipendenti pubblici definiscono la condotta che un funzionario deve tenere per assicurare l’imparzialità del suo lavoro ed evitare pressioni improprie dall’esterno (in tema di regalie, rapporti con il pubblico, conflitti d’interesse).

 

Università Parthenope - Elezioni per il Senato Accademico triennio 2019-2022 "Rieletto Andrea d'Angelo'' (già senatore uscente)

Si sono svolte il 16 ottobre 2019 le elezioni al Senato Accademico per i rappresentanti dei docenti e per il PTA presso l'Ateneo Parthenope. Per il personale tecnico amministrativo, è stato rieletto Andrea D'Angelo (vice coordinatore della FGU Gilda Dipartimento Università Parthenope) con Voti a favore 117 su 138 votanti 53% “superamento del quorum richiesto”; schede nulle 10; schede bianche 11.

E' questo l’ultimo, in ordine di tempo, nuovo successo riportato dal ns sindacato in seno agli Organi di Governo nelle Università. Pervengano i ns più sentiti complimenti al neo rieletto D'Angelo, e visto che era senatore uscente i complimenti per la rielezione sono doppi, ed estesi a tutta la dirigenza sindacale FGU della Parthenope che ha consentito di raggiungere tale significativa riaffermazione.

Vedi i risultati elettorali

Il Coordinamento Nazionale

 

Convocate all'ARAN le OO.SS. rappresentative per la prosecuzione dei lavori della Commissione sull'Ordinamento Professionale del Personale Università

L'Aran in data odierna ha trasmesso alle confederazioni sindacali Cgil,Cisl,Uil, Confsal, Cgs ed alle OO.SS. Flc Cgil, Cisl Scuola, Fed.Uil Scuola Rua,Snals Confsal, Federazione GILDA Unams ( FGU)  una nota di convocazione presso la sede dell'Aran per  il 14 novembre alle ore 11.00 per la prosecuzione dei lavori della Commissione sull'Ordinamento Professionale del Personale Università di cui all'art. 44 del CCNL Istruzione e Ricerca sottoscritto il 19.aprile 2018.

Terremo informati sull'esito dei lavori

Il coordinamento nazionale

Nota ARAN

 

Informo CUN - Proposta inviata al MIUR ed all'ANVUR “Accesso al ruolo della docenza universitaria ''proposta di riforma''

A cura di Michele Poliseno - coordinatore nazionale FGU GILDA - Dipartimento Università - rappresentante del personale TA al CUN

Il CUN ha sviluppato da tempo riflessioni su alcune criticità emerse in fase di attuazione della legge 240/2010 sul reclutamento del personale docente nel sistema universitario. Il documento approvato il 9 aprile 2014 suggeriva l’adozione di un piano straordinario di reclutamento e rimarcava il problema particolarmente acuto dei punti organico. Successivamente, il documento del 10 giugno 2014, nel registrare i tempi sempre più lunghi per l’ingresso nel sistema universitario e, dunque, la crescente anzianità del personale docente, auspicava il superamento della duplice figura di Ricercatore a Tempo Determinato creata dalla legge 240/2010. Con il documento dell’8 ottobre 2014, il CUN suggeriva una chiara separazione fra la progressione interna e il reclutamento del personale docente. Infine, con il documento approvato il 29 gennaio 2015, il CUN auspicava l’introduzione di un’unica figura per il pre-ruolo. Il CUN ha ribadito le sue analisi con il documento del 25 gennaio 2017 e con il documento del 29 gennaio 2019.

In allegato:

Proposta inviata al Ministro Fioramonti ''Accesso al ruolo della docenza universitaria - proposta di riforma - adunanza CUN del 25.09.2019

Proposta inviata al Presidente Anvur - adunanza CUN del 26.09.2019

Il CUN ha preso atto della richiesta del Presidente dell’ANVUR, Prof. Paolo Miccoli, di valutazione delle nuove Linee Guida per la Rilevazione delle Opinioni di Studenti e Laureandi (ROS) predisposte dall’ANVUR, giunta con nota prot. 3329 del 18 luglio 2019.

Bari 30 settembre ’19

Michele Poliseno

 

Università di Padova ''Andrea Berto eletto al Senato Accademico 2019-2013''

Si sono svolte il 23 e il 24 us, presso l’Ateneo di Padova le elezioni per le rappresentanze del personale docente e tecnico-amministrativo nel Senato Accademico, per il quadriennio accademico 2019 –2023. Il nostro sindacato è riuscito ad ottenere un brillante risultato. Infatti, al termine dello scrutinio, per le rappresentanze del personale TA è risultato eletto come terzo classificato con 197 voti Andrea BERTO (coordinatore di ateneo FGU Università c/o l’Università di Padova ). Formuliamo al neo eletto e a tutto il gruppo sindacale dirigente della sede di FGU Università di Padova i più sentiti complimenti per l’ottimo risultato raggiunto.

Il Coordinamento Nazionale

Verbale votazioni

 

Whistleblowing Ritorsioni verso un segnalante di illeciti: 5mila euro di sanzione Anac al responsabile

È la prima sanzione dall’approvazione della legge. Sono 706 le segnalazioni nel 2019, 41 inviate in Procura

All’esito di una lunga istruttoria, l’Autorità nazionale anticorruzione ha irrogato una sanzione da 5mila euro al responsabile di provvedimenti ritorsivi attuati nei confronti di un whistleblower. È la prima multa comminata dall’Anac da quanto è stata approvata la legge 179/2017, che tutela da misure discriminatorie chi segnala illeciti sul luogo di lavoro.

Il whistleblower, operante in un comune campano, aveva denunciato per abuso d’ufficio e omissione di atti d’ufficio i componenti dell’Ufficio procedimenti disciplinari, di cui lui stesso faceva parte. Nelle settimane successive alla denuncia sporta presso l’Autorità giudiziaria, il dirigente era stato sospeso dal servizio per 10 giorni e in seguito per altri 12 giorni, in entrambi i casi con la contestuale privazione della retribuzione.

Dopo un accurato esame della vicenda e l’audizione di due componenti dell’Ufficio procedimenti disciplinari, l’Anac ha ritenuto pretestuose e ritorsive le motivazioni alla base delle contestazioni, sanzionando il firmatario dei provvedimenti.

La legge 179/2017, che ha affidato all’Autorità nazionale anticorruzione il compito di verificare eventuali misure discriminatorie verso i whistleblower, prevede la possibilità di irrogare sanzioni da 5.000 a 30.000 euro nei confronti degli autori delle misure ritorsive e da 10.000 a 50.000 euro in caso di mancata analisi delle segnalazioni ricevute. Le segnalazioni di whistleblowing possono infatti essere inviate, oltre che all’Anac, anche al Responsabile per la prevenzione della corruzione (Rpct) interno all’amministrazione. Dall’istituzione della legge, l’Autorità ha avviato 17 procedimenti sanzionatori; di questi, 10 sono tuttora in corso.

Dall’inizio del 2019 a oggi sono 706 le segnalazioni pervenute. Di queste, dopo gli approfondimenti del caso, 41 sono state trasmesse alla Procura della Repubblica e 35 alla Corte dei Conti per valutare la sussistenza di profili penali ed erariali.

Delibera numero 782 del 04 settembre 2019

Rapporto whistleblowing 2018-2019

Fonte ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione

 

Slitta al 31 dicembre 2021 la sospensione della prescrizione dei contributi dovuti dalle P.A.

Ulteriore slittamento della sospensione della prescrizione dei contributi dovuti dalle amministrazioni pubbliche. L’Istituto, con la circolare INPS 6 settembre 2019, n.122, fornisce alle amministrazioni iscritte alle Casse pensionistiche della Gestione pubblica indicazioni e chiarimenti relativi alla prescrizione dei contributi dovuti. La circolare rinvia al 31 dicembre 2021 la sospensione dei termini di prescrizione della contribuzione obbligatoria dovuta dalle amministrazioni pubbliche, per i periodi di competenza fino al 31 dicembre 2014, come stabilito dal decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4.

 

Contingente assunzionale delle Università - Punti Organico 2019

Pubblicato sul sito del Miur il Decreto Ministeriale dei criteri e del contingente assunzionale delle università statali relativo all'anno 2019,  registrato dalla Corte dei Conti in data 11 settembre 2019

DM n. 740 dell'8 agosto 2019 - Contingente assunzionale delle Università - Punti Organico 2019

 

Messaggio INPS alle amministrazioni ed ai datori di lavoro - Comunicazione di cessazione ai fini TFS: passaggio al nuovo sistema

Con il messaggio n. 3400 del 20 settembre 2019 L'Inps  comunica l’attivazione del sistema telematico per la comunicazione di cessazione TFS. L’applicazione potrà essere utilizzata dalle amministrazioni e dagli enti datori di lavoro dopo aver ottenuto l’abilitazione. La telematizzazione riguarda sia la modalità di acquisizione dei dati economici e giuridici, utili all’elaborazione del Trattamento di Fine Servizio che avviene tramite l’ultimo miglio TFS e la posizione assicurativa, sia attraverso l’invio della “Comunicazione di cessazione TFS”.  Fonte Inps.it

 

Comunicato sindacale ‘’Resoconto dell’incontro con il ministro Fioramonti del 24 settembre 2019 per il Comparto Istruzione e Ricerca. Settori Università, Ricerca e Afam’’

DIPARTIMENTI AFAM - RICERCA - UNIVERSITA'

INCONTRO CON IL MINISTRO FIORAMONTI

COMUNICATO

Oggi, 24 settembre 2019, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, On.le Prof. Lorenzo Fioramonti, ha convocato i sindacati rappresentativi (Flc Cgil, Fsur Cisl, Fed. Uil Scuola Rua, Confsal Snals, Fed. Gilda Unams) per affrontare le tematiche inerenti i settori dell’Afam, della Ricerca e dell’Università. In premessa, nel fare gli auguri al nuovo Ministro, sentiamo il dovere di ringraziarLo per l’attenzione che ha voluto dare a tre settori fondamentali della cultura italiana che spesso, nel passato, non sono stati, con identica attenzione, sufficientemente seguiti.

Nello specifico, per quanto attiene la FGU Dipartimento AFAM, la Prof.ssa Liguori, nella sua qualità di Presidente della Federazione Gilda Unams, ha fatto presente quelle che attualmente sono le principali criticità del sistema consegnando al Ministro un documento specifico (vedi allegato) Le criticità vanno dal precariato ancora da stabilizzare alla soluzione della seconda fascia, dal miglioramento dell’offerta formativa all’ampliamento, non più procrastinabile, degli organici, alla tutela dei lavoratori con contratti flessibili (giusta retribuzione e stabilità di lavoro), sia docenti che tecnici-amministrativi, dalla riforma della Governance, alla valorizzazione del personale tecnico-amministrativo, ecc.

Per quanto, invece, attiene alla FGU Dipartimento Università, abbiamo consegnato al nuovo Ministro una nota che riassumesse i vari punti già inviati in questi ultimi mesi al Miur ed all’Aran, per mezzo di una serie di proposte (riguardanti il nuovo CCNL) tra cui quella per garantire la qualità del servizio e per richiedere quegli aumenti economici che consentano almeno una perequazione economica con gli stipendi degli altri comparti del pubblico impiego, tappa indispensabile per avvicinare i nostri stipendi a quelli in essere a livello europeo e tutelare e valorizzazione il personale Tecnico/Amministrativo e CEL.

Di seguito l’elenco delle proposte le cui argomentazioni sono riportate sul sito (http://www.fgudipartimentouniversita.org/sito/) della nostra sigla sindacale:

- permessi, assenze, aspettative, malattia, infortuni, congedi, sciopero, maternità, orario di lavoro, regole concorsuali, organizzazione del lavoro, formazione, diritto alla disconnessione:

- superamento del precariato;

- procedimenti disciplinari e relative sanzioni;

- flessibilità oraria;

- formazione;

- welfare;

- ferie solidali;

- assenze per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici art. 51;

- categorie professionali:

- policlinici e aziende integrate universitario-ospedaliere;

- personale CEL:

- blocco del salario accessorio.

Relativamente alla FGU Dipartimento Ricerca abbiamo evidenziato al Ministro che il rinnovo del contratto del personale della ricerca dovrà essere l’occasione per definire strumenti contrattuali innovativi, capaci di valorizzare tutte le professionalità che operano nella ricerca e favorire il superamento di molte delle criticità che condizionano e frenano le potenzialità degli EPR. Sarà necessario introdurre strumenti per impostare in modo nuovo i percorsi di accesso – introducendo ad esempio la tenure track – e di sviluppo professionale delle carriere che sono di fatto bloccate da molti anni (recupero dell’ex art. 15). Il d.lgs. 218/16 ha posto le basi per dare agli EPR l’autonomia gestionale che la loro specificità richiede, ma è necessario portare a compimento questo percorso liberando gli enti pubblici di Ricerca dalla morsa della burocrazia e rendendo la ricerca italiana più competitiva e attrattiva. Questi punti sono stati oggetto di un dettagliato documento che abbiamo consegnato al Ministro.

Il Ministro Fioramonti, dopo aver ascoltato attentamente gli interventi di tutte le delegazioni, ha dato il suo caloroso benvenuto ai presenti e ha esordito dicendo di ritenere che oggi l’economia soft e l’economia della conoscenza siano più importanti di quella hard delle cose, dimostrando una particolare attenzione e sensibilità per questi importanti settori strategici per il nostro Paese. In particolare ha manifestato la volontà e l’impegno di adoperarsi per acquisire risorse finanziarie adeguate per l’Afam, la Ricerca e l’Università poiché è ben consapevole che le risorse economiche costituiscono la precondizione per qualunque riflessione. Il Ministro ha poi risposto alle varie tematiche emerse dai settori come segue.

AFAM

Le arti e la musica costituiscono una grande risorsa per il Paese anche dal punto di vista economico poiché concorrono a creare lavoro. E’ inaccettabile che la legge 508, di riforma del settore, a distanza di vent’anni dalla sua promulgazione, non sia stata completamente attuata; infatti mancano ancora numerosi regolamenti attuativi e il regolamento sul reclutamento attualmente in itinere dovrà essere ritirato in quanto presenta criticità che potrebbero essere superate (ad esempio con l’inserimento dell’Abilitazione Artistica Nazionale); il Ministro ha sottolineato che si tratterebbe di fare un passo indietro per farne due in avanti e che, pertanto, il ritiro del provvedimento non deve essere inteso negativamente; infatti il problema della seconda fascia troverà comunque soluzioni adeguate. Con riferimento alle attività del suo predecessore il Ministro ha ritenuto positive le commissioni insediate presso il MIUR per apportare modifiche ai Testi Unici poiché costituiscono uno strumento legislativo utile per incidere sul settore. Quanto agli organici dei docenti e dei tecnici-amministrativi il Ministro ha detto di essere a conoscenza delle criticità dovute alla loro esiguità ma, per questi, sono determinanti le risorse finanziarie.

RICERCA e UNIVERSITA’

Il Ministro ha ribadito la volontà di garantire la più ampia autonomia sia alle Università che agli Enti di Ricerca differenziando questi settori, in considerazione della loro specificità, dalla normativa in generale del pubblico impiego; ha, inoltre, assicurato il suo impegno per arrivare a costruire una Agenzia per la Ricerca per garantire il necessario coordinamento al sistema ricerca, che attualmente si presenta frammentato, con l’obiettivo sia di valorizzare la ricerca di base, sia di fornire una grande visione di prospettiva a tutta la ricerca in modo che possa competere nei contesti internazionali.

Il Ministro ha concluso l’incontro invitando tutti quanti all’unità e a fare squadra per conseguire risultati migliori.

Roma 24.09.2019

Le Segreterie dei Dipartimenti FGU  Afam - Ricerca - Università 

 

Tabelle Assegni Familiari
2018-2019


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by