Contatori visite gratuiti FGU Dipartimento Università

FGU Dipartimento Università

La Federazione | Comunicati | Leggi e Decreti

Circolari | Sentenze | Sicurezza sul Lavoro

Contatti

Giovedì 06 Giugno 2024 16:33

Riscontrando la richiesta di incontro avanzata da FGU GILDA-Unams - Flc Cgil - Cisl Fsur - Uil Scuola Rua - Snals Confsal, il Ministro Bernini convoca le Organizzazioni Sindacali richiedenti a partecipare alla riunione indetta per giorno 17 giugno 2024 h. 11.00 presso la Sala Riunioni della sede del Segretariato Generale della scrivente amministrazione, sita in Largo Antonio Ruberti, n. 1 -00153 Roma

 
Giovedì 23 Maggio 2024 12:26

Approvato in esame definitivo,dal Consiglio dei ministri nella seduta del 15 aprile 2024 numero 77 l’ultimo decreto attuativo della legge delega in materia di disabilità (L. n. 227/2021), che inaugura alcune novità per la Legge 104, il principale provvedimento sulla disabilità in Italia. E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 maggio il “decreto progetto di vita”, il cuore della riforma avviata con la legge 227/2021. È il decreto n. 62 del 3 maggio 2024 ed entra in vigore il prossimo 30 giugno. Il decreto semplifica il sistema di accertamento dell’invalidità civile, mette al centro la persona con i propri bisogni, desideri e aspettative e introduce il “Progetto di vita”. Il testo, come rende noto la news pubblicata sul portale istituzionale del Ministro per le disabilità (“disabilita.governo.it”) definisce “la condizione di disabilità, introduce l’accodamento ragionevole, riforma le procedure di accertamento e la valutazione multidimensionale per l’elaborazione e l’attuazione del Progetto di vita individuale e personalizzato”. Leggi tutto su: https://www.leggioggi.it

 
Sabato 04 Maggio 2024 14:31

Con la circolare n.59 del 03.05.2024, condivisa con il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, si forniscono istruzioni applicative relative alla disposizione in esame.

Per quanto non diversamente previsto, si fa rinvio alle istruzioni diramate con la circolare n. 25 del 6 marzo 2023.

 

Tratto dalla circolare Inps

Requisiti e condizioni per l’accesso alla pensione anticipata c.d. opzione donna

L’articolo 1, comma 138, della legge di Bilancio 2024 estende il diritto alla pensione anticipata c.d. opzione donna, di cui all’articolo 16, comma 1-bis, del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 marzo 2019, n. 26, alle lavoratrici che maturano i prescritti requisiti entro il 31 dicembre 2023.

In particolare, possono accedere alla pensione anticipata c.d. opzione donna le lavoratrici che, entro il 31 dicembre 2023, abbiano maturato un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni e un’età anagrafica di almeno 61 anni e che, alla data della domanda, si trovino in una delle condizioni indicate nella medesima norma.

 
Martedì 30 Aprile 2024 21:37

 
Martedì 23 Aprile 2024 18:55

Per la prosecuzione della trattativa per la sequenza contrattuale dell’art. 178 del CCNL del personale Istruzione e Ricerca – triennio 2019/2021 – sottoscritto il 18 gennaio 2024 sono convocate dall'ARAN  il giorno 8 maggio 2024 alle ore 11:00, le Confederazioni e le Federazioni sindacali maggiormente rappresentative.

La riunione avrà come oggetto di discussione: lett e) e g) dell’art. 178 del CCNL sopra citato. L’incontro si svolgerà in presenza, presso la sede dell’A.Ra.N.(Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni).

CCNL del personale Istruzione e Ricerca – triennio 2019/2021
Art. 178 - Sequenze contrattuali
lett, e) la disciplina del rapporto di lavoro del tecnologo a tempo indeterminato di cui all’art. 24-ter della legge 30 dicembre 2010, n. 240;
lett, g) l’attuazione delle previsioni di cui all’art. 22 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 come sostituito dall’art. 14, comma 6-septies del D.L. 30/04/2022 n. 36, convertito in legge dall'art. 1, comma 1, legge 29 giugno 2022, n. 79.

 
Lunedì 22 Aprile 2024 16:35

Bonus asilo nido in pagamento
L'Istituto rende noto che è operativa la nuova funzionalità, che permette a tutte le sedi INPS sul territorio di procedere con la gestione delle domande per il bonus asilo nido. Ricordiamo che questa prestazione può essere richiesta per il pagamento delle rette di asili nido pubblici o privati, autorizzati dagli enti locali, e per l'utilizzo di forme di supporto – presso la propria abitazione – in favore di bambini con meno di tre anni, affetti da gravi patologie croniche.

Il servizio permette di presentare la domanda di contributo per il pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati o per forme di assistenza domiciliare. È rivolto ai genitori di un minore in possesso dei requisiti richiesti.

A chi è rivolto
Spetta alle famiglie con figli:
nati dal 1° gennaio 2016 in poi;
di età inferiore a tre anni al momento della domanda;
affetti da gravi patologie croniche certificate (il genitore può presentare domanda anche nell’anno solare in cui il figlio compie i 3 anni).

Leggi tutto sul portale Inps.it

e su:Bonus asilo nido e forme di supporto presso la propria abitazione



 
Sabato 20 Aprile 2024 11:06

Con la circolare INPS n.57 del 18 aprile 2024 arrivano le istruzioni INPS per la fruizione del congedo parentale nel 2024.Infatti, la Legge di Bilancio all’articolo 1, comma 179, della legge 30 dicembre 2023, n. 213 (di seguito, anche legge di Bilancio 2024), ha modificato il comma 1 dell’articolo 34 del D.lgs 26 marzo 2001, n. 151, recante “Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità” (di seguito, anche T.U.), disponendo l’elevazione, dal 30% al 60% della retribuzione, dell’indennità di congedo parentale per un’ulteriore mensilità da fruire entro il sesto anno di vita del figlio (o entro 6 anni dall’ingresso in famiglia del minore in caso di adozione o di affidamento e, comunque, non oltre il compimento della maggiore età). Per il solo anno 2024 l’elevazione dell’indennità di congedo parentale per l’ulteriore mese è pari all’80% della retribuzione (invece del 60%).L'articolo 34, comma 1, del testo unico di cui al decreto legislativo n. 151 del 2001, come modificato dal presente comma, si applica con riferimento ai lavoratori che terminano il periodo di congedo di maternità o, in alternativa, di paternità, di cui rispettivamente al capo III e al capo IV del medesimo testo unico di cui al decreto legislativo n. 151 del 2001,successivamente al 31 dicembre 2023”.Per quanto riguarda i dipendenti del settore pubblico, il riconoscimento del diritto al congedo in argomento e l’erogazione del relativo trattamento economico sono a cura dell’Amministrazione pubblica con la quale intercorre il rapporto di lavoro, secondo le indicazioni dalla stessa fornite.Clicca e leggi le istruzioni nella circolare INPS n.57 del 18 aprile 2024

 
Inizio Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. Fine

Pagina 1 di 100

I più letti

FGU Dipartimento Università in Italia
(Regioni in ordine alfabetico)

Photogallery