Photogallery

Contratti
ARAN

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università

FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

 

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

 

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN


RSU

Quotidiani online
Link Utili

People of fools

di Arturo Maullu*

People of fools

''Nel mentre che il governo propone nella bozza di legge per la stabilità una ulteriore stretta sul lavoro degli statali con la conferma del blocco dei contratti e turn over fino al 2014, blocco degli straordinari e per meglio aiutare i giovani (e meno giovani) disoccupati anche una sorta di tassa di 5 o 10 euro per partecipare ai concorsi pubblici, il nostro Ministero, ma forse non è l’unico, fa sparire milioni, forse miliardi di euro.''

 

People of fools

Nel mentre che il governo propone nella bozza di legge per la stabilità una ulteriore stretta sul lavoro degli statali con la conferma del blocco dei contratti e turn over fino al 2014, blocco degli straordinari e per meglio aiutare i giovani (e meno giovani) disoccupati anche una sorta di tassa di 5 o 10 euro per partecipare ai concorsi pubblici, il nostro Ministero, ma forse non è l’unico, fa sparire milioni, forse miliardi di euro.

I magistrati romani hanno aperto un’inchiesta per truffa ai danni dello Stato, ne da notizia oggi il Messagero, vedi il seguente link:

http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2013/10/16SIJ3141.PDF

E’ una notizia che si commenta da sola, ma data di questi tempi fa crescere ancora di più la rabbia del Comparto Università che, non dimentichiamolo, a dire della stessa ARAN ha gli stipendi più bassi del pubblico impiego.

A fronte dei tanti sacrifici chiesti ai soliti noti continuano le ruberie, le malversazioni o le truffe come il caso dei cosiddetti "saggi" nominati dal presidente Napolitano come garanti per riformare la Carta costituzionale, ben 5 dei dieci nominati sono indagati.

Anche in questo caso l’indagine è solo in una fase preliminare ed i reati contestati, truffa, corruzione e falso sono ancora da accertare, ma di certo il mondo universitario italiano, a tutti i livelli, non solo quello ministeriale quindi, ne esce veramente con le ossa rotte.

Insomma a fronte dei tanti sacrifici chiesti, anzi, imposti, ai dipendenti abbiamo una classe dirigente politica e baronale che senza pudore alcuno continua ad agire impunemente badando solo al proprio tornaconto personale o della propria cerchia.

In certi ambienti si è ormai raggiunto uno stato di degenerazione e di immoralità diffusa che vanno ben oltre il semplice danno economico, il danno maggiore nei confronti della società è che ci stanno spogliando anche della speranza e della forza stessa di reagire al disfacimento morale e delle motivazioni che tengono unito un paese.

Non si può neppure pretendere che agli occhi dei cittadini, lavoratori o pensionati gli stessi sindacati possano risultare credibili quando a decidere norme, leggi, nomine etc…sono dei politici che fino a ieri erano dirigenti sindacali ed oggi sono segretari di partito, ministri, sottosegretari, presidenti di municipalizzate, etc….

Non si può stare da una parte del tavolo dove si rappresentano gli interessi dei lavoratori e contestualmente avere di fronte una controparte composta in massima parte da soggetti che fino al giorno prima vestivano i panni del sindacalista, è tutta una finzione, la celebrazione di una pantomima che serve solo a tenere buoni i gonzi.

Quello che stupisce è che nonostante tutto ciò metta in evidenza che queste organizzazioni fanno chiaramente parte integrante del potere continuano ad avere un grande seguito, non si stupiscano poi i lavoratori, ma anche i pensionati se i loro ex rappresentanti sindacali fanno leggi che gli attuali dirigenti sindacali fanno solo finta di contestare ben sapendo che domani toccherà a loro governare.

Chi ha sempre detto che gli italiani sono un popolo di furbi mentiva sapendo di mentire, ci sono pure i furbi, questo è ovvio, altrimenti chi governerebbe i gonzi ?.

Roma 16 ottobre 2013

Arturo Maullu

Segretario Generale CSA della CISAL Università

 

Tabelle Assegni Familiari
luglio 2020 - giugno 2021


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by