Ultime News

COVID-19: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM del 24 ottobre 2020

Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 ottobre 2020 sono state pubblicate "Ult...

Pa, Smart Working almeno al 50% per tutela salute e servizi

Fonte : www.funzione pubblica.it   Firmato dal Ministro Dadone il decreto ministeriale sullo s...

INPS - CIRCOLARE N. 116 DEL 2 OTTOBRE 2020 Congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli in favore dei lavoratori dipendenti

Congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli in favore dei lavoratori dipendenti, introdotto...

Le Nostre Sedi sul territorio


Photogallery

Contratti
ARAN

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università

FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN

RSU

Quotidiani online
Link Utili

Elezioni nel Senato Accademico c/o Università di Catania '' Eletto Fabrizio Ligresti'' (vice coordinatore FGU Università di Catania)

Con 275 preferenze è stato eletto Fabrizio Ligresti, (vice coordinatore Fgu Univ. di Catania).  

Il nostro sindacato è riuscito ad ottenere un'altra brillante affermazione anche nell’Università di Catania dove si sono svolte il 29 ottobre 2020 le Elezioni negli Organi di Governo per le Rappresentanze del Senato Accademico - quadriennio accademico 2020/2024 - per la docenza e per il personale TA.

Infatti, al termine dello scrutinio per le due Rappresentanze del personale TA, è risultato eletto come secondo classificato con 275 voti Fabrizio Ligresti.

Giungano al neoeletto e a tutto il gruppo sindacale dirigente della FGU Univ.di Catania i più sentiti complimenti per questo eccellente risultato, che è certamente frutto del lavoro profuso in questi anni grazie ad una politica sindacale fatta di idee e proposte, il cui risultato è evidenziato ancora una volta attraverso il forte consenso ricevuto anche in questa ultima tornata elettorale.    

Il Coordinamento Nazionale

Esito delle votazioni:
Maccarronello Dario (cisl ) voti 367 eletto
Ligresti Fabrizio (Fgu) voti 275 eletto
Lo Presti Alfredo (uil) voti 102 non eletto
Aventi diritto al voto 1.137;  
Votanti n.775 (percentuale votanti 68,16%) .

 

COVID-19: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM del 24 ottobre 2020

Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 ottobre 2020 sono state pubblicate "Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19», e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»".

 

Pa, Smart Working almeno al 50% per tutela salute e servizi

Fonte : www.funzione pubblica.it  

Firmato dal Ministro Dadone il decreto ministeriale sullo smart working che attua le norme del decreto Rilancio, alla luce dei Dpcm del 13 e 18 ottobre. Il testo contempera l’esigenza di contrasto alla pandemia con la necessità di continuità nell’erogazione dei servizi.

Eccone i punti salienti:

ciascuna amministrazione con immediatezza assicura su base giornaliera, settimanale o plurisettimanale lo svolgimento del lavoro agile almeno al 50% del personale impegnato in attività che possono essere svolte secondo questa modalità. Può farlo in modalità semplificata ancora fino al 31 dicembre 2020;

gli enti, tenendo anche conto dell’evolversi della situazione epidemiologica, assicurano in ogni caso le percentuali più elevate possibili di lavoro agile, compatibili con le loro potenzialità organizzative e con la qualità e l’effettività del servizio erogato;

il lavoratore agile alterna giornate lavorate in presenza e giornate lavorate da remoto, con una equilibrata flessibilità e comunque alla luce delle prescrizioni sanitarie vigenti e di quanto stabilito dai protocolli di sicurezza;

 

Elezioni nell’Università di Genova delle rappresentanze nel C.di A. per il quadriennio accademico 2020/2024''Eletto Daniele Severini'' (Dirigente FGU Gilda Università

Si comunica che nei giorni 26 e 27 ottobre 2020 si sono tenute nell'Università di Genova le elezioni negli Organi di Governo del CdA sia per la docenza che per il personale dirigente e TA per il quadriennio accademico 2020/2024, le cui votazioni sono state svolte con procedura telematica. Per il collegio dirigenti e tecnici amministrativi gli aventi diritto al voto sono stati 1.264, votanti 758 (percentuale votanti 59,97%) .

L’esito delle votazioni ha visto premiare Daniele Severini (dirigente FGU Gilda Univ.) risultando eletto con 406 voti,staccando l’altro candidato, Lorenzo Ivaldi con voti 313 non eletto.

Giungano al neo eletto, ed a tutta la dirigenza FGU Univ di Genova i ns più vivi rallegramenti per questa importante affermazione.

Il Coordinamento Nazionale

 

Elezioni negli Organi di Governo dell'Ateneo di Foggia : Eletta per i rappresentanti del personale TAB Carolina COLETTA (FGU Univ.)

Si sono svolte il 6 e il 7 ottobre 2020 le elezioni negli Organi di Governo dell'Ateneo di Foggia in Senato ed in CdA per i rappresentanti dei docenti e per il personale tecnico amministrativo. Nonostante il clima preoccupante per il Covid19 ha votato in presenza nel seggio allestito in Ateneo il 92,37% del personale avente diritto di voto.

Per i tre posti da assegnare per i rappresentanti del personale TA in Senato Accademico sono risultati eletti:

Con 78 voti - Vito Ruberto (Snals)

Con 59 voti - Carolina Coletta (Fgu Univ.)

Con 53 voti - Costantino Dell'Osso (Flc Cgil)

Al CdA, per un posto con semplice voto consultivo, l’esito dello spoglio non ha premiato la candidata Luciana Mainiero dirigente della FGU Gilda Unams di Foggia perché ha conseguito 106 voti contro i 126 dell’altra candidata De Benedittis.

Giungano i ns più sentiti complimenti alla neo eletta  al senato Carolina Coletta e a tutta la dirigenza sindacale Fgu Università  della sede di Foggia che ha permesso di raggiungere tale significativa affermazione ed alla Mainiero che pur non eletta al CdA ha conseguito comunque un risultato in ogni caso significativo.

Il Coordinamento Nazionale

 

COMUNICATO SINDACALE:Resoconto incontro All’ARAN del 19.10.2020 Riunione della commissione per l'ordinamento professionale del personale delle università

COMUNICATO SINDACALE

Resoconto incontro All’ARAN del 19.10.2020

Riunione della commissione per l'ordinamento professionale del personale delle università

Anche l’odierna riunione del tavolo paritetico OO.SS. e ARAN sul nuovo ordinamento non ha prodotto grandi passi in avanti, in pratica si parla di nuovo ordinamento senza che ci sia la volontà di apportare modifiche sostanziali a quello vigente, per cui a parere dell’ARAN, ma anche di alcune OO.SS., visto che per nuovo ordinamento s’intendeva “il vecchio”, sempre suddiviso per quattro categorie, ma rendendo le PEO più selettive e a due velocità.

Se già con questo ordinamento vigente il personale universitario era disamorato del proprio lavoro, in futuro è presumibile che lo sarà ancora di più per le scarse prospettive di progressione economica interna alla categoria, e le quasi nulle possibilità di progressione verticale.

Tutto ciò sta comportando, una fuga generalizzata del personale universitario che è sotto inquadrato e per questo preferisce partecipare ai bandi di mobilità (spesso vincendoli a man bassa)  per andare in altri comparti, perché garantiscono una maggiore possibilità di carriera oltreché, e non è cosa da poco, una maggiore remunerazione anche a parità di categoria, ma questo è risaputo e, nel suo intervento, il Coordinatore Generale della FGU Università oltre a quest’aspetto, ha rimarcato anche la fuga interna di personale di area sanitaria, dagli Atenei verso il SSN, dove, oltre a stipendi più elevati ha anche maggiori possibilità di carriera, e questo è un dato evidente di cui l’ARAN e soprattutto il MUR, presente sul tavolo paritetico con un suo rappresentante devono tenere conto.

In questo incontro si è trattato in particolare del sistema di classificazione del personale in riferimento alla struttura e alle articolazioni interne alle categorie, nel prossimo, si spera che le OO.SS. non continuino ad andare con posizioni differenziate, visto che non è stato colto, per l’ennesima volta, il nostro invito ad un confronto intersindacale per provare un ultimo tentativo di proposta unitaria che si auspica che non sia definitivamente tramontata.

L’unico dato positivo è venuto da un mutato atteggiamento del rappresentante del CODAU che in pratica ha chiesto all’ARAN di attivarsi per chiedere alla Funzione Pubblica un parere sulle progressioni verticali del personale universitario, anche rispetto alla nota Livon ovvero se si devono effettuare le PEV tenendo conto delle “teste” o dei ‘’punti organico’’

Il prossimo incontro è stato fissato per il 10 novembre pv, sempre sull’ordinamento professionale, sarà nostra cura tenervi informati sull’evolversi della situazione ed in particolare anche su questa richiesta del CODAU fatta propria anche dalle OO.SS. e in particolar modo da noi della FGU GILDA Dipartimento Università che con un documento con data 16 aprile 2019 Prot. n.65/CG 2019, invitavamo il MUR, il CODAU, la CRUI e l’ARAN a prendere una posizione sulla suddetta nota LIVON.

Roma 19.10.2020

Il Coordinatore Generale FGU Dipartimento Università

Arturo Maullu

 

Coronavirus, il Presidente Conte firma il Dpcm del 18 ottobre 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il Dpcm del 18 ottobre 2020 sulle misure per il contrasto e il contenimento dell'emergenza Covid-19. In corso di registrazione.

Vai al DPCM ed allegati: http://www.governo.it/it/articolo/coronavirus-il-presidente-conte-firma-il-dpcm-del-18-ottobre-2020/15457

Fonte : governo.it


 

INPS - CIRCOLARE N. 116 DEL 2 OTTOBRE 2020 Congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli in favore dei lavoratori dipendenti

Congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli in favore dei lavoratori dipendenti, introdotto dall’articolo 5 del decreto-legge 8 settembre 2020, n. 111, recante “Disposizioni urgenti per far fronte a indifferibili esigenze finanziarie e di sostegno per l’avvio dell’anno scolastico, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Istruzioni contabili. Variazione al piano dei conti

Con la circolare N. 116 del 2 OTTOBRE 2020 si forniscono istruzioni amministrative in materia di diritto alla fruizione del congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli, introdotto dal decreto-legge 8 settembre 2020 n. 111.

 

Comunicato: Resoconto tavolo tecnico del 30 settembre 2020 ‘’Prosecuzione dei lavori della Commissione sull’Ordinamento Professionale personale Università

Resoconto tavolo tecnico del 30 settembre 2020

‘’Prosecuzione dei lavori della Commissione sull’Ordinamento Professionale personale Università di cui all’art. 44 del CCNL Istruzione e Ricerca sottoscritto il 19 aprile’’

Il giorno 30 settembre 2020 si è tenuto un incontro in video conferenza con l'Aran, per la prosecuzione dei lavori della Commissione sull’Ordinamento Professionale personale Università di cui all’art. 44 del CCNL Istruzione e Ricerca sottoscritto il 19 aprile. L’ARAN ha inviato alle organizzazioni sindacali firmatarie del contratto Istruzione e Ricerca, una sua bozza relativa alla “Commissione paritetica sui sistema di classificazione professionale del comparto Istruzione e Ricerca – Sezione Università”.

Nella bozza presentata sono presenti, anche se in modo molto sfumato, alcune parti delle tre distinte proposte presentate dalle sigle sindacali: una  di FGU GILDA, FSUR CISL, SNALS, una della FLC CGIL  e una della UIL RUA SCUOLA.

La bozza in questione contiene una ricostruzione storica delle problematiche in discussione sul tavolo paritetico ed un accenno di proposta abbastanza “aperta” relativamente alle tematiche in discussione, il presidente dell’ARAN dott. Antonio Naddeo ha difatti dichiarato che questa è stata una scelta voluta, proprio per lasciare ampio spazio a possibili soluzioni che dovessero emergere nella discussione sul merito di queste annose problematiche.

Nel suo intervento il Coordinatore Generale Nazionale della FGU Università ha invitato le parti ad adottare un metodo di lavoro che consenta alle OO.SS. in primis, che hanno presentato proposte molto distanti tra loro, (oltre che tra ARAN e i sindacati), di partire da quei punti dove maggiori sono le convergenze, in modo da rendere meno arduo un possibile accordo.

Il prossimo incontro della Commissione, previsto tra una decina di giorni, affronterà il problema relativo all’ordinamento, ma su nostra richiesta nell’ambito dell’ordinamento universitario dovrà essere ricompreso anche tutto il personale che opera in assistenza, senza nessuna distinzione tra tipologie di AOU o se in convezione diretta con il SSN o altri.

L’unica certezza è che così come dicemmo già all’atto della stipula del  CCNL 1998/2001 che istituiva le categorie, abbandonando le qualifiche funzionali, così com’è strutturato, questo ordinamento ha confermato di non essere funzionale neppure alle esigenze degli Atenei.

Restiamo anche dell’opinione che, così come già presenti nel CCNL Sanità, anche nel nostro Ordinamento, nel caso si voglia mantenere l’impalcatura attuale,  dovranno essere previste delle posizioni economiche super interne alla stessa categoria, o altri meccanismi, che diano sfogo, soprattutto alle posizioni apicali di personale che ha elevatissime capacità professionali, ma non ha i titoli culturali per l’accesso alla categoria superiore, alle quali dovrebbe poter concorrere chi occupa almeno una posizione economica superiore alla 3 nella categoria di appartenenza e, che in caso di passaggio alla super si porterebbe appresso il maturato economico.

Nella nostra proposta, la posizione super ha un valore economico complessivo iniziale non inferiore al 50% in più rispetto al differenziale della PEO apicale della categoria di appartenenza, così come già specificato negli incontri intersindacali con le altre OO.SS.

Per altro questa proposta diventa una necessità, nel momento in cui nella proposta presentata dall’ARAN si evidenzia un  notevole aumento di responsabilità e maggior carico di mansioni superiori a tutti livelli, anche nelle categorie più basse, ma a parità di stipendio e questo contrasta con qualunque norma che regola il mercato del lavoro.

In ragione di ciò abbiamo rivolto un invito a tutte le altre OO.SS. per un incontro intersindacale da tenersi nella prossima settimana per trattare l’argomento da portare in discussione poi sul tavolo paritetico tra una decina di giorni quando ci riconvocherà l’ARAN.

Sarà nostra cura tenervi aggiornati sia sui lavori con l’Aran, che sull’incontro tra le OO.SS. se si terrà, speriamo di si...

Roma  30.09.2020

Il coordinatore generale nazionale FGU GILDA Università

Arturo Maullu

 

Comunicato - Nota di accompagnamento al parere della Corte dei Conti Regione Lombardia e la richiesta inviata alle OO.SS. e all'ARAN di interpretazione autentica Buoni Pasto in regime di SW


COMUNICATO

Nota di accompagnamento al parere della Corte dei Conti Regione Lombardia e la richiesta inviata alle OO.SS. e all'ARAN

di interpretazione autentica comma 2 art. 60 del vigente CCNL. Buoni Pasto in regime di SW

La Corte dei Conti della Regione Lombardia con la Delibera n.115 del 09.09.2020 riguardo all’erogazione del Buono Pasto in regime di SW ritiene di non doversi pronunciare in quanto materia demandata alla contrattazione, quindi quegli atenei e quei revisori che ipotizzavano un danno all'erario dovranno rivedere le loro posizioni e trovare altre motivazioni, ammesso che ce ne siano.

Infatti, come traspare chiaramente nella Delibera, la Corte dei Conti svolge la propria funzione relativamente a questioni inerenti la contabilità pubblica e non dà pareri su norme contrattuali, questo parere quindi, tarpa le ali a quei revisori ed a quelle amministrazioni che invece hanno opposto un diniego a caricare i buoni pasto a chi è in lavoro agile motivandolo proprio con il fatto che la cosa poteva intendersi come un danno all’erario e ci conferma che noi abbiamo seguito la giusta via chiedendo all’ARAN e alle altre OO.SS. un’interpretazione autentica dell’art. 60 del CCNL, gli unici che hanno una funzione interpretativa di specifiche disposizioni contrattuali.

La Corte conferma che il buono pasto è materia regolamentata dalle norme del CCNL, quindi di esclusiva competenza della fonte contrattuale.

Difatti rimette la questione interpretativa all’Aran in quanto unico soggetto titolato a svolgere una funzione di assistenza alle Amministrazioni pubbliche espletabile anche attraverso la produzione di orientamenti applicativi delle norme contrattuali.

Ovviamente una cosa è chiedere un parere all’Aran, così come hanno già fatto alcune amministrazioni universitarie, altra cosa è procedere ad una interpretazione autentica della norma contrattuale, difatti nel primo caso, richiesta di parere, l’ARAN ha suggerito di rivolgersi al Dipartimento della Funzione Pubblica.

Cosa che venne fatta ed alla quale la Funzione Pubblica rispose che, appunto, si tratta di materia contrattuale e in assenza di una interpretazione autentica del CCNL, che sanerebbe il problema alla fonte, ogni decisione può essere assunta autonomamente dalle singole Istituzioni, previo confronto con le parti sociali, una sorta di contrattazione integrativa su modalità di lavoro sopravvenute successivamente alla stipula del CCNL, in questo caso per via del Covid.

Difatti, non a caso, se vi ricordate, noi a suo tempo invitammo tutte le sedi che ancora non l’avessero fatto di attivarsi per un confronto con le Amministrazioni allo scopo di continuare a garantire l’erogazione dei buoni pasto anche a tutti i lavoratori operanti in lavoro agile.

Invece alcune Amministrazioni trincerandosi dietro interventi o pareri, spesso impropri,  prodotti dai revisori dei conti e senza alcun confronto con le parti sociali,  hanno assunto decisioni unilaterali non conformi al dettato contrattuale.

Pertanto questo pronunciamento è da considerarsi sicuramente utile per la nostra richiesta di interpretazione autentica e obbliga  ARAN e OO.SS. ad attivarsi per utilizzare l’unico strumento utile a risolvere il problema di cui trattasi, l’interpretazione autentica dell’art. 60 comma 2.

Napoli 24.09.2020

Il Coordinatore Generale Nazionale

Dipartimento Università FGU GILDA UNAMS

Arturo Maullu


in allegato : Delibera Corte dei Conti della Regione Lombardia n.115 del 09.09.2020

Richiesta FGU all'ARAN ''interpretazione autentica riguardo alle problematiche interpretative della corresponsione dei buoni pasto dipendenti in SW''

 

Tabelle Assegni Familiari
luglio 2020 - giugno 2021


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by