Ultime News

COMUNICATO STAMPA - MANOVRA: CGS A BONGIORNO, COPERTA TROPPO CORTA PER TENERE INSIEME ASSUNZIONI E RINNOVO CONTRATTI

Roma, 13 novembre – “La coperta rimane corta e il nodo sono sempre le scarse risorse sul piatto. Il ...

Circolare INPS ''Esenzione dalla reperibilità per malattia: chiarimenti ''

A seguito di notizie diffuse sul web circa le modalità di esonero dalle visite mediche di controllo ...

Messaggio INPS ''Maternità: congedo straordinario per assistenza a familiari disabili ''

L’INPS, con il messaggio 2 novembre 2018, n. 4074, fornisce indicazioni in merito ai congedi straord...

Al via la riforma per la concretezza della Pubblica Amministrazione

Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’ass...

CCNL 2016/2018 ''Una firma tecnica ad un contratto che non ci rappresenta''

Arturo Maullu - Coordinatore Generale del Dipartimento Università della FGU GILDA UNAMS Una firma t...

Le Nostre Sedi sul territorio

ISCRIZIONE
AL SINDACATO

Scarica il modulo


Photogallery

Contratti
ARAN

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università

FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN

RSU

Quotidiani online
Link Utili

COMUNICATO STAMPA - MANOVRA: CGS A BONGIORNO, COPERTA TROPPO CORTA PER TENERE INSIEME ASSUNZIONI E RINNOVO CONTRATTI

Roma, 13 novembre – “La coperta rimane corta e il nodo sono sempre le scarse risorse sul piatto. Il giusto e sacrosanto, per quanto ancora insufficiente per colmare le criticità dei prossimi tre anni, piano straordinario di assunzioni, previsto nella manovra economica, limita infatti i fondi per i rinnovi contrattuali, tenendo i salari al palo”.E’ quanto denuncia la Cgs, Confederazione generale sindacale, dopo l’incontro a palazzo Vidoni sul disegno di legge di Bilancio col ministro per la Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno.

“Le somme indicate nel disegno di legge sono simili a quelle stanziate dal governo Renzi nel 2016 dopo che la Corte costituzionale stabilì l’illegittimità del congelamento dei rinnovi contrattuali. Non vorremmo trovarci di nuovo – avverte la Cgs – a dover aspettare altri due anni per avere uno stanziamento integrativo idoneo a consentire l’avvio delle trattative”.

Il nodo della penuria di risorse, prosegue il sindacato, “è un male comune che colpisce il comparto sanità come quello della scuola e delle Funzioni centrali”.

Proprio sul fronte sanità, incalza la Cgs, “la richiesta di adeguamento salariale pone in conflitto, a fondo invariato, il diritto dei lavoratori alla giusta retribuzione con quello alla salute dei cittadini”.

Non va meglio nel campo della scuola, università e ricerca: “La speranza è che la promessa del vicepremier Luigi Di Maio di reperire nuovi fondi anche per aumentare gli stipendi degli insegnanti non resti tale.

Un passo nella giusta direzione – suggerisce la Confederazione – sarebbe, ad esempio, quello di destinare i fondi del bonus merito, stanziati dalla legge 107/2015, per recuperare almeno lo scatto di anzianità del 2013”.

Durante l’incontro con il ministro, poi, il sindacato ha messo sul tavolo altre due questioni “prioritarie”. A cominciare dalla necessità di rivedere profondamente il ruolo della contrattazione rendendo parte attiva i lavoratori con effetti non solo motivazionali ma anche di produttività.

Con il ministro Bongiorno, però, il sindacato ha sollevato pure il tema spinoso della “firma forzata” dei contratti da parte delle sigle sindacali, pena l’esclusione dalla contrattazione collettiva integrativa di sede e dai relativi istituti di partecipazione.

Oltre alla non più rinviabile definizione di un nuovo ordinamento professionale per le funzioni centrali “con procedure selettive che tengano conto per la progressione del personale di ruolo del titolo di studio ma aprano anche agli interni.

Magari con un aumento dal 20 al 50 per cento dei posti assegnati – è la proposta della Cgs -, sulla base dell’esperienza già acquisita nell’amministrazione per un numero variabile di anni, tra cinque e sette, a seconda della posizione occupata”.

Fonte: CGS.it

 

Circolare INPS ''Esenzione dalla reperibilità per malattia: chiarimenti ''

A seguito di notizie diffuse sul web circa le modalità di esonero dalle visite mediche di controllo domiciliari, molti lavoratori stanno chiedendo ai propri medici curanti di apporre il codice “E” nei certificati al fine di ottenere l’esenzione dal controllo.

INPS precisa, in primo luogo, che le norme non prevedono l’esonero dal controllo, ma solo dalla reperibilità: questo significa che il controllo concordato è sempre possibile, come ben esplicitato nella circolare INPS 7 giugno 2016, n. 95 a cui si rinvia per ogni ulteriore dettaglio.

 

Messaggio INPS ''Maternità: congedo straordinario per assistenza a familiari disabili ''

L’INPS, con il messaggio 2 novembre 2018, n. 4074, fornisce indicazioni in merito ai congedi straordinari fruiti dalle lavoratrici gestanti per l’assistenza al coniuge convivente o a un figlio in condizione di disabilità grave.

 

Al via la riforma per la concretezza della Pubblica Amministrazione

Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo (disegno di legge collegato alla legge di bilancio 2019).

Nella seduta del 25 us il testo del ‘’Ddl concretezza’’ proposto dalla Ministra per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno è stato approvato dal Consiglio dei Ministri. Il Ddl prevede interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’assenteismo. L’obiettivo delle nuove norme è quello di individuare soluzioni concrete per garantire l’efficienza della pubblica amministrazione, il miglioramento immediato dell’organizzazione amministrativa e l’incremento della qualità dei servizi erogati ai cittadini.Il disegno di legge in particolare prevede:

 

Riforma della P.A ''Previste maggiori risorse per la contrattazione decentrata e addio al cartellino di presenza con la rilevazione biometrica di identità''

Previste maggiori risorse per la contrattazione decentrata. Con il disegno di legge di riforma della pubblica amministrazione voluto dal ministro della Funzione Pubblica Giulia Bongiorno il cui testo sarà portato oggi in consiglio dei ministri verrà confermata la norma di interpretazione autentica che intende disapplicare l'articolo 23, comma 2, del dlgs 75/2017, che impone alla contrattazione decentrata il rispetto del tetto di spesa del 2016 che finisce per scaricare sui fondi della contrattazione decentrata il finanziamento degli incrementi dei costi per le progressioni orizzontali, le voci connesse allo stipendio tabellare (straordinari, turno, lavoro notturno e festivo), nonché dell'incremento stipendiale di 83,20 euro decorrente dal 2019.

Rilevazione della presenza. Scomparirà il cartellino di marcamento attualmente in uso, il dipendente che marcherà la presenza in servizio, sarà riconosciuto personalmente,  grazie a «sistemi di verifica biometrica dell'identità e di videosorveglianza» che saranno adottati «in sostituzione dei diversi sistemi di rilevazione automatica, attualmente in uso».

Leggi tutto su: italiaoggi.it

 

CCNL 2016/2018 ''Una firma tecnica ad un contratto che non ci rappresenta''

Arturo Maullu - Coordinatore Generale del Dipartimento Università della FGU GILDA UNAMS

Una firma tecnica che ha come unico scopo quello di poterci consentire di essere partecipi sui tavoli di trattativa di II° liv. negli atenei ove siamo presenti, con l’intento di poterlo migliorare nei limiti del possibile.

Dopo un blocco della contrattazione durato oltre otto anni ci saremmo aspettati tutti un altro CCNL, ma così non è stato, e non certo per colpa nostra.

Le riforme introdotte nel periodo del blocco, dalla cosiddetta “Legge Brunetta” legge 150/2009, alla riforma Madia del 2017, così come lo stravolgimento dei Comparti di contrattazione tendenti soprattutto a limitare la sfera d’azione dei sindacati in generale ed in particolare di quelli non allineati alle politiche filogovernative di CGIL-CISL-UIL, hanno segnato la peggiore stagione in tema di diritti dei lavoratori.

Per il nostro sindacato è stato quindi il primo CCNL nel nuovo mega comparto Istruzione e Ricerca sotto la nuova sigla FGU, la Federazione Gilda Unams con la quale avevamo già rapporti di collaborazione da oltre dieci anni con reciproca soddisfazione e dove abbiamo trovato collocazione definitiva come Dipartimento Università, con piena autonomia relativamente alle problematiche inerenti il mondo universitario.

In tale veste abbiamo partecipato agli incontri al MIUR sfociati poi nella redazione dell’Atto di Indirizzo necessario per l’avvio del rinnovo del CCNL, di cui una ‘’parte comune’’ da applicare a tutti e quattro gli ex Comparti confluiti poi nel più grande del P.I., Istruzione e Ricerca appunto, e quattro diversi Atti di Indirizzo che avrebbero affrontato le problematiche specifiche degli ex Comparti confluiti.

Almeno due dei punti contemplati nell’Atto di Indirizzo che riguarda il ns comparto, sono derivanti da nostre specifiche proposte, quali: la necessità di definire un nuovo ordinamento professionale, affrontare in modo definitivo le problematiche inerenti il personale che opera presso le AOU ed in parte anche la proposta dell’unificazione dei fondi di tutte le categorie, nonché dare soluzione al problema dei CEL in modo che non debbano avere un trattamento differenziato rispetto a quelli che, svolgendo in pratica lo stesso lavoro, sono stati inquadrati a seguito di diverse sentenze, nell’ambito della docenza.

Com’è noto, la ‘’parte economica’’ invece, in via del tutto arbitraria e per la prima volta in modo disgiunto dalla trattativa sul rinnovo dei CCNL, venne trattata dal governo (ed in via esclusiva) con CGIL-CISL-UIL e Conf.SAL nel novembre del 2016 dove fu stabilito a priori l’entità dell’aumento, quei famosi 85 euro lordi, che poi, com’è noto non sono stati effettivamente dati a tutti, ed in particolare nel nostro Comparto.

Risultava quindi difficile presentare un CCNL che nelle fasi finali, per lo più ''accelerate’’ per esigenze politiche della maggioranza di governo dell’epoca perché contava di portare a casa quello che riteneva un risultato importante e politicamente premiante, appunto la firma dei contratti del Pubblico Impiego.

Questi contratti che non hanno ridato piena dignità alla funzione sindacale quale effettiva parte contraente, che non hanno concesso neppure un sia pur parziale recupero economico conseguente al blocco di otto anni e soprattutto in quello che ci riguardava ovvero il CCNL Istruzione e Ricerca, non trattava in nessuna delle sue parti i punti indicati nell’Atto di Indirizzo, in pratica, la vera sostanza del CCNL, veniva rimandata a una discussione successiva, su tavoli che si sarebbero dovuti attivare ‘’immediatamente dopo la firma’’ che era urgente apporre prima del 4 marzo, data delle elezioni politiche.

Quale premio abbia dato a questa miope ed affrettata conclusione, visto il risultato delle elezioni politiche ne siamo tutti al corrente, così come sappiamo bene come sono andate le successive, per noi importantissime elezioni per il rinnovo delle RSU del 17-18-19 aprile 2018, che ha visto un vero e proprio tracollo delle parti politiche e sindacali che hanno gestito e sottoscritto senza fiatare questa tornata contrattuale.

La FGU ha valutato negativamente le modalità poste in essere per il rinnovo del CCNL, ha contestato la parte economica e la mancata attuazione dei pochi punti indicati negli Atti di Indirizzo e soltanto a fine aprile ha accettato di apporre una ''firma tecnica'' ad un contratto che ha disatteso totalmente le aspettative dei lavoratori e delle lavoratrici del nostro Comparto, una firma tecnica che ha come unico scopo quello di poter consentire alla ns sigla di essere presente sui tavoli di trattativa di II° liv., con l’intento di poter migliorare il CCNL nei limiti del possibile, così come sui tavoli tecnici se e quando si attiveranno presso l’ARAN.

 

Arturo Maullu

Coordinatore Nazionale - Dipartimento Università della FGU GILDA UNAMS

 

Argomenti correlati:

Dichiarazione a Verbale all'Aran del CCNL 2016/2018 della FGU Gilda Unams

Rinnovo CCNL, Gilda firma con riserva: Di Meglio “Atto dovuto per tutelare categoria”


 

Quanto ‘’può costare’’ al dipendente essere irreperibile alla visita di controlo INPS durante lo stato di malattia

Durante la malattia il/la lavoratore/trice è tenuto/a all’obbligo di reperibilità in determinate fasce orarie, così come previsto dalla normativa vigente che per i dipendenti pubblici vanno dal lunedi alla domenica, incluse le festività infrasettimanali i cui orari sono: la mattina dalle ore 9,00 all 13,00 ed al pomeriggio dall ore 15,00 alle 18,00. A chi risulterà essere assente dal domicilio di reperibilità senza giustificato motivo alla prima visita fiscale, verranno irrogate conseguenti sanzioni disciplinari ed economiche, così come previsto dalla normativa vigente, che prevede una riduzione del 100% della retribuzione per i primi dieci giorni di malattia;

 

INPS ''Domande frequenti su certificati medici telematici''

Assenza per malattia ''Cosa succede se il medico curante sbaglia a indicare l'indirizzo per la reperibilità del lavoratore? Il lavoratore è giustificabile se viene disposta la visita medica di controllo domiciliare all'indirizzo errato?

Risponde l'INPS - Il lavoratore, che chiede al medico curante di redigere il certificato di malattia per assenza dal lavoro, deve assicurarsi che l'indirizzo riportato per la reperibilità sia corretto e completo di frazione, contrada e di ogni altro dettaglio utile per consentire l'eventuale visita medica di controllo. Con il certificato telematico non cambia, infatti, la responsabilità del lavoratore riguardo il dovere di diligenza nel collaborare pienamente al compimento degli eventuali accertamenti medici di controllo che il datore di lavoro o l'INPS vorranno effettuare.

 

Nel Portale NoiPA Un nuovo servizio per la consultazione dei pagament per i dipendenti della P.A.: aggiornamento sui tempi di attivazione

NoiPA, il Portale  di servizi del MEF per la P.A., sta lavorando su un nuovo servizio che permetta di visualizzare l'importo netto dei propri stipendi. Questo servizio consentirà a tutti gli amministrati di verificare anche l'importo netto relativo all'ultima rata elaborata, in anticipo rispetto alla pubblicazione del cedolino.

 

Pensioni, I periodi riscattabili per i dipendenti pubblici

Gli statali che si avvicinano alla pensione devono prestare attenzione ai servizi che possono essere riscattati per aumentare l'importo dell'assegno.Come noto i dipendenti pubblici possono sfruttare diverse disposizioni legislative per riscattare periodi utili ai fini pensionistici.L'ordinamento previdenziale per i lavoratori del settore statale (DPR 1092/1973) consente, infatti, ancora oggi la possibilità di riunire o di riscattare gratuitamente o con oneri ridotti alcuni particolari periodi di servizio, una facoltà non riconosciuta per la generalità dei lavoratori del settore privato. Si tratta di una serie di disposizioni di cui è bene essere a conoscenza sia per avvicinare la data di pensionamento che per maturare una pensione di importo superiore senza necessità di sborsare cifre notevoli. Leggi tutto su: www.pensionioggi.it

 

Tabelle Assegni Familiari
2018-2019


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by