Ultime News

COVID-19: pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM del 24 ottobre 2020

Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 ottobre 2020 sono state pubblicate "Ult...

Pa, Smart Working almeno al 50% per tutela salute e servizi

Fonte : www.funzione pubblica.it   Firmato dal Ministro Dadone il decreto ministeriale sullo s...

INPS - CIRCOLARE N. 116 DEL 2 OTTOBRE 2020 Congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli in favore dei lavoratori dipendenti

Congedo COVID-19 per quarantena scolastica dei figli in favore dei lavoratori dipendenti, introdotto...

Le Nostre Sedi sul territorio


Photogallery

Contratti
ARAN

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università

FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN

RSU

Quotidiani online
Link Utili

Smart working nella Pa, al via il monitoraggio

La Funzione pubblica monitora e accompagna la rivoluzione dello smart working. La lettera odierna del Ministro Dadone, rivolta alle amministrazioni, annuncia il lancio del questionario che serve a raccogliere dagli enti tutte le necessarie informazioni quantitative e qualitative circa il lavoro agile messo a punto durante l’emergenza Covid-19, in modo da consolidare e rafforzare un cambiamento improvviso che può condurre, in prospettiva, la Pa verso il futuro.

Il questionario è accessibile online attraverso il portale del lavoro pubblico. Gli esiti del monitoraggio, che si concluderà il prossimo 21 giugno, saranno pubblicati nella sezione “Lavoro agile e COVID-19” del sito istituzionale del Dipartimento della funzione pubblica.

Tratto da : www.funzionepubblica.gov.it del 27 maggio 2020

 

Circolare INAIL n. 22 del 20 maggio 2020 - Tutela infortunistica nei casi accertati di infezione da coronavirus (SARS-CoV-2) in occasione di lavoro.- Chiarimenti

Tutela infortunistica nei casi accertati di infezione da coronavirus (SARS-CoV-2) in occasione di lavoro. Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19” - Articolo 42 comma 2, convertito dalla legge 24 aprile 2020, n. 27. Chiarimenti.

[...] L’Istituto con la circolare 3 aprile 2020, n. 13 ha dato le indicazioni operative, anche in relazione alla prima fase della situazione emergenziale legata alla diffusione pandemica da nuovo Coronavirus (SARS-Cov-2) per la tutela dei lavoratori che hanno contratto l’infezione in occasione di lavoro a seguito dell’entrata in vigore della disposizione di cui all’art. 42, comma 2, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 convertito, con modificazione, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27.

Con la presente circolare, acquisito il parere favorevole del Ministro del lavoro e delle politiche sociali con nota del 20 maggio 2020, prot. 5239, si forniscono delle ulteriori istruzioni operative nonché dei chiarimenti su alcune problematiche sollevate in relazione alla tutela infortunistica degli eventi di contagio. [...]

Fonte INAIL.it

Testo integrale della circolare Inail n. 22 del 20 maggio 2020

 

CUN : Proposte emendative sulle misure per università e ricerca contenute nel Decreto Rilancio

Il Consiglio Nazionale Universitario (CUN) nella sessione del 27.5.2020 ha approvato un testo nel quale esprime apprezzamento per l’intervento del Governo, con misure economiche significative, a sostegno del sistema della formazione superiore e suggerisce alcune proposte emendative al Decreto Legge 34/2020 (il cosiddetto “Decreto Rilancio”), in particolare del capo IX su “Misure in materia di università e ricerca”, in vista della conversione in legge del decreto.

Fonte: CUN.it

Il testo approvato dal CUN: Analisi e proposte del 27/05/2020

 

Università - Piani straordinari di reclutamento 2020 Pubblicati i decreti relativi ai piani straordinari di reclutamento dei ricercatori di tipo B e progressioni di carriera Ricercatori con ASN

Decreto Ministeriale n.84 del 14 maggio 2020 - Piano straordinario per la progressione di carriera dei ricercatori a tempo indeterminato in possesso di abilitazione scientifica nazionale

Decreto Ministeriale n.83 del 14 maggio 2020 - Piano Straordinario 2020 per il reclutamento ricercatori ci Cui all’articolo 24, Comma 3, Lettera B) della Legge 240/2010

Fonte :https://www.miur.gov.it/web/guest/-/piani-straordinari-di-reclutamento-2020

 

Quale effetto della pandemia sulla salute mentale degli operatori sanitari di tutto il mondo?

PROGETTO: The COVID-19 HEalth caRe wOrkErS (HEROES) study

Quale effetto della pandemia sulla salute mentale degli operatori sanitari di tutto il mondo?

Il Dipartimento Università della FGU GILDA Unams sostiene e collabora all'interno di un progetto globale coordinato promosso dall’Organizzazione mondiale della sanità di cui l’Università di Cagliari è referente per l’Italia.

CHI è il Personale interessato a compilare il questionariohttps://heroescovid19study.org/survey/?it

TUTTi gli operatori che lavorano in centri sanitari (medici, infermieri, OSS, tecnici, addetti alle pulizie, addetti alla manutenzione, ecc)

Si ringrazia per la collaborazione e per la diffusione del questionario.

 

Resoconto incontro del 19.05.2020 con il Capo gabinetto del Ministro Manfredi

Resoconto incontro del 19.05.2020 con il Capo gabinetto del Ministro Manfredi

Oggi 19 maggio alle 11.30 si è tenuto un incontro in video conferenza tra le OO.SS. firmatarie del CCNL  Università ed il Capo gabinetto del Ministro Dott. Mario Alberto Di Nezza per concordare dei tavoli tematici relativi al personale.

Questo è stato il primo incontro con la delegazione dei sindacati universitari, seguiranno con lo stesso O.d.g. incontri con  le OO.SS. del settore AFAM ed in ultimo con il settore della Ricerca.

Dopo una breve presentazione dei partecipanti, il Dott. Di Nezza ci ha chiesto quali vorremmo fossero gli argomenti prioritari da trattare nei futuri tavoli tecnici. Tutti, prima di entrare nel merito abbiamo manifestato la necessità che ai tavoli ci siano almeno tre rappresentanti per O.S. e non uno come richiestoci per la convocazione odierna.

La FGU ha ribadito tutte le questioni  rimaste in sospeso e che più volte abbiamo affrontato e messo in evidenza  con documenti inviati sia all’ARAN che al Ministro, precedente ed attuale, questioni che bisogna affrontare e risolvere prima del rinnovo contrattuale.

Inoltre:

Abbiamo chiesto la prosecuzione dei lavori del tavolo tecnico sul Sistema di classificazione del personale, avviato in ARAN e mai concluso (ex art. 55 CCNL 2000 e ex artt. 77 e 78 CCNL 2006), le attuali 4 categorie professionali non rispecchiano le necessità legate al modello organizzativo, sociale ed economico, registrato nell’ultimo ventennio nelle Università.

Il riavvio del tavolo tecnico che tratti delle questioni irrisolte del personale universitario che opera nelle AOU ove vi è una grave carenza normativa con  la mancata emanazione dei Decreti interministeriali che ha  generato negli anni una progressiva ed inarrestabile perdita in organico  di personale universitario a  favore di quello del SSN.

La prosecuzione dei lavori del  tavolo sulla questione dell’inquadramento dei CEL e dei tecnologi.

La rivisitazione della L.240/2010 che con l’autonomia, ma forse sarebbe meglio definirla “anarchia”  concessa alle Università ha consentito alle stesse di interpretare leggi nazionali a proprio uso e consumo creando forti disparità di trattamento, sia a livello territoriale che tra categorie.

Definire la problematica dei lavoratori precari dell’Università, argomento più volte affrontato e mai risolto.

Rivedere il metodo di attribuzione dei punti organico che penalizza fortemente il personale T.A. per il turnover.

Rivedere le modalità di attribuzione e di finanziamento delle PEO ( Incremento del Fondo e regole chiare) e PEV.

Il Capo gabinetto  del Ministro in conclusione ha espresso  la necessità di accomunare dove possibile le tematiche, la FGU condividendo tale proposta, utile a ridurre i tempi operativi, si adopererà affinché subito dopo si inizi il confronto per il rinnovo del CCNL.

Sarà nostra cura informarvi sugli sviluppi successivi delle materie rappresentate.

Il Coordinatore Nazionale Vicario FGU Gilda Unams Università

Antonio Sorio

 

Al Ministro Manfredi - Nota unitaria:richiesta revisione DM n 82 del 14 maggio 2020

DM n.82 del 14 maggio 2020 - Requisiti minimi docenza ai fini dell'accreditamento iniziale e periodico dei corsi di studio -.

In data 19 maggio 2020 le  OO.SS. Flc Cgil, Cisl Fsur, Uil Scuola, Snals Confsal, FGU Gilda Università, venute a conoscenza dell’emanazione del DM con il quale  il MUR ha inteso modificare il numero minimo di docenti di riferimento ai fini dell’accreditamento iniziale e periodico dei corsi di studio per quanto attiene la classe L/SNT/01 relativamente ai corsi di laurea per la professione di infermiere, hanno inviato una nota al ministro Manfredi di cui al seguente link: Nota unitaria:richiesta revisione DM  n 82 del 14 maggio 2020

 

Lettera al Ministro del MUR Prof. G. Manfredi : lockdown fasi 2 e 3, buoni pasto,lavoro agile Università

Il Coordinamento Nazionale della FGU Università informa che in data odierna è stata inviata una nota  al ministro dell'Universita e della Ricerca Prof. Manfredi riguardo alle problematiche relative al lockdown fasi 2 e 3, buoni pasto,lavoro agile nelle Università

Vai alla nota : Lettera al Ministro MUR Manfredi_lockdown_fasi 2 e 3 _buoni pasto_lavoro agile_Università_07.05.2020

 

Sicurezza sul lavoro Fase 2 post lockdown - convocate dal Ministro Manfredi le OO.SS. dell'Università, della Afam e della Ricerca

Riguardante la  Fase 2 Sicurezza sul lavoro da Covid-19,  si terrà un incontro il 5 maggio pv per via telematica  con il Ministro  per confrontarsi  circa le misure  e le iniziative  che interesseranno l'Università, l'Afam ed Enti di Ricerca  nel post lockdown e fase 2.  Sarà cura della FGU Gilda Unams Università aggiornarvi sugli sviluppi successivi.

 

Nota sindacale unitaria FLc Cgil - Cisl Fsur - Uil Scuola Rua - Snals Confsal - Fgu Università - DPCM 26 aprile 2020 - Emergenza Epidemiologica da Covid-19 - Fase 2

Si informa che in data odierna è stata trasmessa ai rettori ed al Presidente della Crui una nota unitaria a firma delle OO.SS. rappresentative FLc Cgil - Cisl Fsur - Uil Scuola Rua - Snals Confsal - Fgu Università, riguardo al DPCM 26 aprile 2020 - Emergenza Epidemiologica da Covid-2019 - Fase 2.

Le OO.SS nella nota allegata. richiamano all'attenzione delle Amministrazioni Universitarie ad adottare una serie di adempimenti (obbligo a redigere il DVR aggiornato all’emergenza da SARS CoV2) e di tutte quelle misure sostanziali che necessitano di un previo ampio confronto con gli RLS e le parti sociali, anche al fine di evitare contrasti con le OO,SS. sui posti di lavoro e l'inevitabile contenzioso che ne potrebbe derivare.

Si ritiene imprescindibile che l'esigenza di garantire lo svolgimento dell'attività universitaria dovrà conciliare necessariamente con l'esigenza di salvaguardare il diritto alla salute ed alla sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori delle università.

Nota Sindacale Unitaria del 28.04.2020 DPCM 26 aprile 2020 - Emergenza Epidemiologica da Covid-2019 - Fase 2

 

Tabelle Assegni Familiari
luglio 2020 - giugno 2021


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by