Ultime News

COMUNICATO STAMPA - MANOVRA: CGS A BONGIORNO, COPERTA TROPPO CORTA PER TENERE INSIEME ASSUNZIONI E RINNOVO CONTRATTI

Roma, 13 novembre – “La coperta rimane corta e il nodo sono sempre le scarse risorse sul piatto. Il ...

Circolare INPS ''Esenzione dalla reperibilità per malattia: chiarimenti ''

A seguito di notizie diffuse sul web circa le modalità di esonero dalle visite mediche di controllo ...

Messaggio INPS ''Maternità: congedo straordinario per assistenza a familiari disabili ''

L’INPS, con il messaggio 2 novembre 2018, n. 4074, fornisce indicazioni in merito ai congedi straord...

Al via la riforma per la concretezza della Pubblica Amministrazione

Interventi per la concretezza delle azioni delle pubbliche amministrazioni e la prevenzione dell’ass...

CCNL 2016/2018 ''Una firma tecnica ad un contratto che non ci rappresenta''

Arturo Maullu - Coordinatore Generale del Dipartimento Università della FGU GILDA UNAMS Una firma t...

Le Nostre Sedi sul territorio

ISCRIZIONE
AL SINDACATO

Scarica il modulo


Photogallery

Contratti
ARAN

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università

FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN

RSU

Quotidiani online
Link Utili

La FGU presenta formale disdetta del CCNL in scadenza

La Federazione Gilda-Unams scalda i motori in vista del prossimo rinnovo contrattuale.Con una comunicazione ufficiale inviata al Dipartimento della Funzione Pubblica, al presidente dell´Aran, Sergio Gasparrini, e al ministro dell´Istruzione, Università e Ricerca, Marco Bussetti, il coordinatore nazionale della FGU, Rino Di Meglio, ha presentato disdetta formale del CCNL 2016/2018 sottoscritto il 19 aprile scorso e in scadenza alla fine dell´anno.In attesa della convocazione del tavolo, prossimamente la FGU invierà all´Aran la piattaforma che presenterà in sede di contrattazione. Fonte: Gilda Unams

 

Sentenza Corte di Cassazione ''Obbligo del datore di lavoro pubblico al pagamento ferie non utilizzate dal dipendente''

Secondo la Cassazione, il lavoratore ha sempre diritto al pagamento sostitutivo delle ferie non godute, senza necessità di provare di averle richieste, mentre spetta al datore di lavoro fornite prova dell’adempimento o della sua offerta. Con la sentenza n.15652 del 14 giugno 2018 la Corte di Cassazione infatti ribalta l’indicazione della Corte d’Appello secondo la quale il datore di lavoro pubblico ha diritto a non pagare le ferie al lavoratore cessato se quest’ultimo non dimostri di averle preventivamente richieste.

 

La UE ha ritenuto ammissibile il ricorso europeo per violazione libertà sindacale presentato dalla FGU GILDA UNAMS

E' notizia di oggi 30 maggio, che la UE ha ritenuto ammissibile il ricorso presentato dalla FGU alla corte di giustizia europea contro l'esclusione dalla contrattazione integrativa delle OO.SS. rappresentative ma non firmatarie del CCNL.

A farsene promotore del reclamo al Comitato dei diritti sociali del Consiglio d’Europa contro le violazioni della Carta Sociale Europea commesse dal Governo italiano era stato il segretario generale della CGS (Confederazione Generale Sindacale) Rino Di Meglio coordinatore generale anche della FGU GILDA UNAMS che aveva portato all’attenzione delle istituzioni comunitarie la normativa italiana in base alla quale i sindacati che non sottoscrivono i contratti collettivi nazionali di lavoro sono esclusi da tutti gli altri livelli di contrattazione anche se maggiormente rappresentativi.

Documenti correlati

Reclamo al Comitato dei diritti sociali del Consiglio d´Europa

Rinnovo CCNL, Gilda firma con riserva: Di Meglio “Atto dovuto per tutelare categoria”

 

CIRCOLARE INPS ASSEGNI PER IL NUCLEO FAMILIARE ''Nuovi livelli reddituali per il periodo 1° luglio 2018 - 30 giugno 2019 ''

La legge n. 153/88 stabilisce che i livelli di reddito familiare ai fini della corresponsione dell'assegno per il nucleo familiare sono rivalutati annualmente, con effetto dal 1° luglio di ciascun anno, in misura pari alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall'ISTAT, intervenuta tra l'anno di riferimento dei redditi per la corresponsione dell'assegno e l'anno immediatamente precedente. Con la circolare n. 68 dell’11.05.2018, l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, ha reso noto che, in base ai calcoli effettuati dall’ISTAT, la variazione percentuale dell’indice dei prezzi al consumo tra l’anno 2016 e l’anno 2017 è risultata pari a 1,1 per cento. In relazione a quanto sopra, sono stati rivalutati i livelli di reddito delle tabelle contenenti gli importi mensili degli assegni al nucleo familiare, in vigore per il periodo 1° luglio 2018 – 30 giugno 2019 con il predetto indice.

 

Sentenza Corte di Cassazione ‘’il certificato medico generico è valido per l’assenza dal lavoro’’

La Corte di Cassazione con la sentenza del 24 aprile 2018 n° 10086, pur considerando censurabile il comportamento tenuto dal lavoratore, che presenta al datore di lavoro una certificazione generica e lacunosa, ovvero priva di riferimenti ad una malattia ed a una prognosi, ritiene che non sia possibile sostenere che egli abbia simulato la malattia e pertanto ritiene ingiustificato il procedimento disciplinare di sospensione dal servizio irrogato al dipendente.

 

Sentenza Corte di Cassazione - Pubblico impiego – procedimento penale e procedimento disciplinare – art. 55 ter d.lgs. n. 165/2001 – autonomia dei due procedimenti

La Corte rigetta il ricorso di un dipendente del Ministero del Lavoro che era stato licenziato a seguito di procedimento disciplinare.

Il lavoratore, condannato penalmente in 1° grado, contestava all’Amministrazione di non aver sospeso il procedimento disciplinare in attesa di una sentenza che fosse definitiva.

 

Pensione anticipata per riconoscimento ai fini pensionistici dei periodi di assenza dal lavoro per assistere figli e disabili

I lavoratori e le lavoratrici nel contributivo puro, cioè non in possesso di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, possono godere di alcuni piccoli benefici per anticipare l'età pensionabile o l'importo dell'assegno pensionistico se nella loro vita si sono assentati dal lavoro per accudire figli o familiari disabili per periodi di lavoro non retribuiti.Si tratta di una prima tutela riconosciuta dal legislatore per il cd. lavoro di cura in realtà però ancora scarsamente conosciuta che l'ultimo confronto tra Governo e Sindacati del settembre 2016 ha provato invano ad estendere nei confronti di tutti i lavoratori.

 

Sentenza Corte Costituzionale:il potere di compensare o condannare le spese di soccombenza a carico del lavoratore è e resta rimesso al Giudice del Lavoro

A cura dell'avv. Nerino Allocati - Ufficio Legale FGU Gilda Unams - Dipartimento Università

La Corte Costituzionale con la sentenza n. 77 del 19 aprile 2018, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del novellato art. 92 del codice di procedura di civile che sostanzialmente introduceva, anche nel processo del lavoro, la regola del "chi perde paga" le spese di lite, non lasciando al giudice del lavoro più alcuna possibilità di compensarle, nemmeno in ipotesi particolari dove bisogna tener conto della posizione di debolezza del lavoratore o delle difficoltà probatorie che spesso ha il lavoratore nel rivendicare i suoi diritti (si pensi al c.d. motus datoriale ovvero alla coercizione che questi opera sui colleghi di lavoro che si sentono minacciati e che tentennano per non perdere il loro posto di lavoro).

 

Comunicato del Coordinatore Nazionale Arturo Maullu - RISULTATI RSU 2018, Un GRAZIE a tutti

RISULTATI RSU 2018

Un GRAZIE a tutti !

Al termine delle votazioni per le Rsu, evidenziamo con soddisfazione una forte crescita di consensi per le liste presentate dal dipartimento Università della FGU Gilda Unams negli Atenei,  ben 3.120 voti,  oltre 900 in più rispetto alle precedenti votazioni e i seggi assegnati sono 54, rispetto ai 43 del 2015.

Considerato che era la prima volta che ci presentavamo alle elezioni con questa nuova sigla, dopo essere confluiti nella FGU Gilda Unams,  possiamo considerarci più che soddisfatti dell’ottimo risultato raggiunto.

Per questo ringraziamo tutti i dirigenti, gli attivisti ed i candidati che si sono impegnati in questa campagna elettorale e soprattutto i lavoratori e le lavoratrici  che hanno espresso la loro preferenza per i candidati delle nostre liste RSU.

Gli eletti avranno un compito non facile nella contrattazione decentrata considerate le gravi lacune, storture e omissioni presenti nel CCNL e da noi evidenziate nella dichiarazione a verbale allegata al Contratto.

Con la nostra presenza al tavolo negoziale, che si attiverà a breve in ambito nazionale, (sui vari punti rimandati ai tavoli tecnici), cercheremo di porre rimedio ai danni causati dalla fretta dovuta al pressing che il governo uscente aveva operato sui sindacati confederali, al fine di chiudere la partita dei rinnovi prima delle elezioni  amministrative  4 marzo us.

Per le lavoratrici e i lavoratori  di questo settore continueremo ad essere punto di riferimento in ambito locale e nazionale e, siamo certi, che questo forte trend di crescita del consenso elettorale avrà riflessi positivi anche nelle iscrizioni così come già si conferma dai dati provenienti da diverse sedi.

Ci conforta altresì la forte crescita di consensi della FGU Gilda Unams che sfiora nel suo insieme (Scuola, Università, Ricerca e AFAM) un incremento percentuale di oltre il 30%, che ci consente di raggiungere una quota di rappresentatività di tutto rispetto e che nei prossimi anni ci permetterà di lavorare in serenità senza l’assillo che avevamo in passato come ex Comparto Università.

Roma 23.04.2018

Il Coordinatore Nazionale - Dipartimento Università FGU

Arturo Maullu

 

VISITE FISCALI - Messaggio Inps ‘’Polo Unico per le visite fiscali. Riepilogo e aggiornamento delle disposizioni vigenti’’

L’Inps, con il messaggio n.1399 del 29 marzo 2018, in considerazione dell’evoluzione del quadro normativo e delle indicazioni amministrative e procedurali, intende fornire un riepilogo delle disposizioni di legge vigenti in materia e delle istruzioni operative diramate, rammentando che la normativa istitutiva del Polo Unico per le visite fiscali ha attribuito all’Istituto una nuova competenza sui controlli della malattia dei dipendenti del settore pubblico.

 

Tabelle Assegni Familiari
2018-2019


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by