Contatori visite gratuiti Sentenza del Tribunale di Foggia:Proroga illegittima di contratti a termine – Danno in re ipsa – risarcimento – art. 18, commi 4 e 5, legge n. 300/1970

Photogallery

Contratti
ARAN

Orientamenti applicativi aggiornati al 2021
CCNL Comparto Istruzione e Ricerca
''Sezione Università’’

Aspettative/Congedi

Formazione

Malattia  e Assenze per visite, terapie e prestazioni specialistiche

Permessi

Ferie, Festività  e riposi solidali

Sistema di classificazione

Istituti particolari

Orario di lavoro

Rapporto di lavoro flessibile

Trattamento economico

Parte Comune ''Responsabilità disciplinare''

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università


FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

 

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

 

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN


RSU

Quotidiani online
Link Utili

Sentenza del Tribunale di Foggia:Proroga illegittima di contratti a termine – Danno in re ipsa – risarcimento – art. 18, commi 4 e 5, legge n. 300/1970

Sentenza del Tribunale di Foggia, 17 ottobre 2008,
Est. Buonvino

Impiego pubblico - Proroga illegittima di contratti a termine – Danno in re ipsa – risarcimento – art. 18, commi 4 e 5, legge n. 300/1970.
"... Diritto - per il lavoratore - ad ottenere il risarcimento scaturisce dal semplice fatto della violazione, da parte dell’Amministrazione, delle previsioni di cui all'art. 36, D.lgs. n. 165/2001..."

L’art. 36 del D.lgs. n. 165/2001 prevede una tipologia risarcitoria che può soddisfare i parametri di adeguatezza ed effettività sanciti dalla Corte di Giustizia (CGCE 7.9.2006). E’ da ritenersi, pertanto, che la tutela risarcitoria prevista dal T.U. sul pubblico impiego abbia una connotazione prevalentemente sanzionatoria.
In tale ottica, il diritto - per il lavoratore - ad ottenere il risarcimento scaturisce dal semplice fatto della violazione, da parte dell’Amministrazione, delle previsioni di cui al citato art. 36.
Considerato che l’adeguatezza e l’effettività della misura sanzionatoria sono garantite, innanzitutto, dalla forza dissuasiva della sanzione, si ritiene che, in tale prospettiva, il mezzo più idoneo sia il risarcimento previsto dal 4° e dal 5° comma dell’art. 18 della legge n. 300/1970 (5+15 mensilità della retribuzione globale di fatto).

Massima redatta dall’Ufficio Studi del CSA della CISAL Università.
La pronuncia, corredata da nota redazionale, può essere letta in Guida al Lavoro, 2009, 9, 47

 
INPS
Assegno per il nucleo familiare. Nuovi livelli reddituali: luglio 2002 - giugno 2023



Previdenza

Modulo Non adesione al Fondo Perseo Sirio

Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by



Modalità Mobile