Contatori visite gratuiti Sentenza del Tribunale di Parma:E’ illegittimo il provvedimento di assegnazione di incarico dirigenziale non specificamente motivato.

Photogallery

Contratti
ARAN

Orientamenti applicativi aggiornati al 2021
CCNL Comparto Istruzione e Ricerca
''Sezione Università’’

Aspettative/Congedi

Formazione

Malattia  e Assenze per visite, terapie e prestazioni specialistiche

Permessi

Ferie, Festività  e riposi solidali

Sistema di classificazione

Istituti particolari

Orario di lavoro

Rapporto di lavoro flessibile

Trattamento economico

Parte Comune ''Responsabilità disciplinare''

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università


FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

 

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

 

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN


RSU

Quotidiani online
Link Utili

Sentenza del Tribunale di Parma:E’ illegittimo il provvedimento di assegnazione di incarico dirigenziale non specificamente motivato.

Sentenza del Tribunale di Parma, 16 luglio 2008,
Est. Brusati  F.C. c. Comune di Parma

E’ illegittimo il provvedimento di assegnazione di incarico dirigenziale non specificamente motivato

Il provvedimento con cui l’Amministrazione conferisce incarico dirigenziale deve essere specificamente motivato. Infatti, quantunque la scelta dell’Ente sia contraddistinta da fiduciarietà e discrezionalità, la stessa deve essere sorretta da una - sia pur sintetica - motivazione; ciò, affinché sia possibile ricostruire i criteri adottati e la loro applicazione concreta.

La motivazione rende, inoltre, possibile la verifica dell’adempimento degli obblighi di correttezza e buona fede, anche al fine di verificare che la scelta dell’Amministrazione non sia manifestamente irragionevole e/o arbitraria.
In assenza della motivazione, il provvedimento di assegnazione dell’incarico deve essere dichiarato illegittimo. Ciò, in quanto il potere di scelta dell’Ente risulta soggetto a determinate forme, nonché al rispetto di determinati criteri e procedure.
La violazione di tali principi costituisce inadempimento contrattuale e può produrre un danno risarcibile.

Massima redatta dall’Ufficio Studi del CSA della CISAL Università

La pronuncia in epigrafe può essere letta in Giurisprudenza parmense, 2008, 3,

 
INPS
Assegno per il nucleo familiare. Nuovi livelli reddituali: luglio 2002 - giugno 2023



Previdenza

Modulo Non adesione al Fondo Perseo Sirio

Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by



Modalità Mobile