Contatori visite gratuiti Corte Costituzionale''illegittimità costituzionale dell’art. 64, c 2 Dlgs 151/2001

Photogallery

Contratti
ARAN

Orientamenti applicativi aggiornati al 2021
CCNL Comparto Istruzione e Ricerca
''Sezione Università’’

Aspettative/Congedi

Formazione

Malattia  e Assenze per visite, terapie e prestazioni specialistiche

Permessi

Ferie, Festività  e riposi solidali

Sistema di classificazione

Istituti particolari

Orario di lavoro

Rapporto di lavoro flessibile

Trattamento economico

Parte Comune ''Responsabilità disciplinare''

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università


FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

 

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

 

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN


RSU

Quotidiani online
Link Utili

Corte Costituzionale''illegittimità costituzionale dell’art. 64, c 2 Dlgs 151/2001

Corte Costituzionale sentenza n.257- 22/11/12

''illegittimità costituzionale art.64, c 2,Dlgs 151/01

"illegittimità costituzionale dell’articolo 64, comma 2, del decreto legislativo 26 marzo 2001 n. 151"
(Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità)

 

Con sentenza n. 257 del 22 novembre 2012 la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 64, comma 2, del decreto legislativo 26 marzo 2001 n. 151 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità) "nella parte in cui, relativamente alle lavoratrici autonome e alle lavoratrici iscritte alla gestione separata dell’Inps (e tenute al versamento della contribuzione dello 0,50 % di cui all’art. 59, comma 16, della legge 27 dicembre 1997 n. 449 )che abbiano adottato o avuto in affidamento preadottivo un minore, prevede l’indennità di maternità  per un periodo di tre mesi anziché di cinque mesi".

Con la conseguenza che il trattamento di maternità per le lavoratrici dipendenti, autonome o iscritte alla gestione separata, in caso di adozione o di affidamento, deve avere contenuto identico.

 

Pertanto, il congedo di maternità (con relativa indennità) spetta, per un periodo massimo di cinque mesi, anche alle lavoratrici autonome o  iscritte alla gestione ordinaria, che abbiano adottato o preso in affidamento preadottivo un minore.

 

Più precisamente, "in caso di adozione nazionale, il congedo di maternità deve essere fruito durante i primi cinque mesi successivi all’effettivo ingresso del minore nella famiglia della lavoratrice; in caso di adozioni internazionali, detto congedo può essere fruito anche prima dell’ingresso del minore in Italia, durante il periodo di permanenza all’estero richiesto per l’incontro con il minore e gli adempimenti relativi alla procedura adottiva" (cfr. sent. n. 385  del 2005 e n. 179 del 1993).

 
INPS
Assegno per il nucleo familiare. Nuovi livelli reddituali: luglio 2002 - giugno 2023



Previdenza

Modulo Non adesione al Fondo Perseo Sirio

Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by



Modalità Mobile