Contatori visite gratuiti FGU Dipartimento Università
Ultime News

Messaggio INPS n° 3066 del 04-08-2022 in materia di maternità, paternità e congedo parentale. Indicazioni anche per i neo padri dipendenti della P.A.

Con il messaggio n. 3066 del 4 agosto 2022, l’INPS  fornisce le prime indicazioni rilevanti ai fini...

INPS: Green pass e assenza o sospensione dei lavoratori: istruzioni

Con la circolare INPS 2 agosto 2022, n. 94 l’Istituto riepiloga il quadro normativo relativo all’obb...

Comunicato - Riunione ARAN del 27/07/2022 relativa ai fondi contrattuali

  Riunione ARAN del 27/07/2022 relativa ai fondi contrattuali -  Rinnovo CCNL 2019/2021 ...

Le Nostre Sedi sul territorio




Photogallery

Contratti
ARAN

Orientamenti applicativi aggiornati al 2021
CCNL Comparto Istruzione e Ricerca
''Sezione Università’’

Aspettative/Congedi

Formazione

Malattia  e Assenze per visite, terapie e prestazioni specialistiche

Permessi

Ferie, Festività  e riposi solidali

Sistema di classificazione

Istituti particolari

Orario di lavoro

Rapporto di lavoro flessibile

Trattamento economico

Parte Comune ''Responsabilità disciplinare''

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università


FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

 

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

 

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN


RSU

Quotidiani online
Link Utili

COMUNICATO NAZIONALE: ATTO di INDIRIZZO RINNOVO CCNL SETTORE UNIVERSITA'

COMUNICATO NAZIONALE


Per la prima volta dopo molti anni le OO.SS. confederali si presentano non unitariamente alle trattative con la controparte sull’atto di indirizzo.

Sarà necessario discutere questioni che si trascinano da lungo tempo, in qualche caso da decenni, relative ai contratti del personale dei policlinici e dei CEL, sulle quali vi sono almeno tre posizioni diverse.

Rispetto alla precedente proposta del MUR dello scorso luglio c’è stato un peggioramento anche se rispetto alla bozza circolata la scorsa settimana c’è stato invece un avanzamento in particolare sull’ipotesi circolata, anche in ambito CRUI, circa l’utilizzo dei 50 milioni che praticamente chiedevano un uso, quasi esclusivo per la performance e comunque nella discrezionalità delle amministrazioni che invece rientrano in massima parte nelle competenze della contrattazione e soprattutto, come detto nell’atto di indirizzo “ … per adeguare, nel limite delle risorse a tale fine disponibili le retribuzioni complessive del personale delle Università …nonché delle specificità e del valore professionale richiesto per l’espletamento delle loro funzioni, anche in relazione a analoghe realtà europee".

A questo proposito FGU Gilda aveva predisposto un documento riguardante questa problematica, che era stato prospettato alle altre OO.SS. del settore chiedendo condivisione, ma senza successo, ragione per cui è stato fatto pervenire al MUR solo a firma nostra. Riteniamo che se c’è stata una correzione di rotta sull’atto di indirizzo forse, in parte, è anche merito nostro.

Ora sta alla contrattazione in ARAN, il cui incontro con i sindacati è previsto per la settimana prossima., migliorare ulteriormente le parti più controverse, in particolare quella normativa  e la situazione inerente il personale in servizio nelle AOU che continua a subire le conseguenze di una evidente carenza normativa di base, dal momento che non è ancora stato emanato il decreto interministeriale, che dovrebbe definire la tipologia di azienda unica universitaria come previsto dal comma 3 dell’art. 2 del Decreto Legislativo 21 dicembre 1999, n. 517.

Se, sulla soluzione delle problematiche dei CEL c’è una posizione comune con le altre OO.SS., ribadiamo che altrettanto non si può dire per quanto riguarda l’ordinamento e il personale delle AOU, sulle quali abbiamo visioni differenti e che faremo pesare in sede di contrattazione in ARAN; infine, se sarà necessario, chiameremo a sostegno delle nostre rivendicazioni il personale PTAB che da troppi anni attende un CCNL almeno decente.

A breve saranno convocati gli organi statutari per una discussione più approfondita sul documento allegato.

11.05.2022                                                                                              Il Segretario Generale

Arturo Maullu 

 

Richiesta alla Ministra Messa di incontro urgente ''Ipotesi atto di indirizzo CCNL 2019/2021 settore Università''

 

Nota alla Ministra del MUR : Vicende riguardanti l'Università Mediterranea

Nota inviata alla Ministra del MUR dallo SNALS e dalla scrivente OS, riguardo alle vicende che in questi giorni sono rimbalzate sulla stampa, sui social e sui vari tg Nazionali e Regionali riferite alll’Università della Mediterranea


 

Lavoratori dipendenti: esonero dello 0,8% sui contributi previdenziali

La legge di bilancio 2022 ha previsto un esonero di 0,8 punti percentuali sulla quota dei contributi previdenziali per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti ( IVS ) a carico del lavoratore. Con la circolare INPS 22 marzo 2022, n. 43 l’Istituto fornisce le prime indicazioni per la gestione degli adempimenti previdenziali connessi all’esonero contributivo e illustra le modalità di esposizione dei dati nel flusso UNIEMENS.

Si tratta di una misura temporanea che si applica ai rapporti di lavoro dipendente, con esclusione del lavoro domestico, limitatamente al periodo di paga 1° gennaio - 31 dicembre 2022. L’esonero è riconosciuto a condizione che la retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per 13 mensilità, non ecceda l'importo mensile di 2.692 euro, maggiorato del rateo di tredicesima.Tenuto conto dell'eccezionalità di tale misura, resta ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche. Fonte Inps.it

 

Elezioni Rsu, aumentano i voti per le liste Gilda-Unams

Di Meglio: “Forte successo anche nel settore Università con il 22 per cento in più di consensi rispetto al 2018”

“Per molte scuole l'acquisizione dei dati è ancora in corso, ma dalle proiezioni di cui disponiamo, possiamo rilevare che, nonostante le difficoltà legate alla pandemia, i risultati delle liste Gilda-Unams sono migliorati rispetto alla tornata elettorale del 2018”. Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Federazione Gilda-Unams, commenta così i dati non ancora definitivi - di cui forniremo un quadro completo al termine degli scrutini - delle votazioni per il rinnovo delle Rsu che si sono svolte il 5, 6 e 7 aprile.

“Particolarmente rilevante - sottolinea Di Meglio - è il successo nel settore Università, dove registriamo un aumento del 22 per cento”.

“Ringraziamo tutti i colleghi di Scuola, Afam, Università e Ricerca che hanno sostenuto le liste della Federazione Gilda-Unams”, conclude il coordinatore nazionale.

Fonte: FGU GILDA-UNAMS

Vai al comunicato

 

Auguri Pasquali 2022

 

ELEZIONI RSU - Forte crescita della FGU GILDA Dipartimento Università nelle elezioni RSU 2022


file iconForte crescita della FGU Dipartimento Università nelle elezioni RSU 2022

Aumenta ancora il consenso per la FGU GILDA Dipartimento Università in questa tornata elettorale per il rinnovo delle RSU, una crescita anche fin oltre ogni più rosea previsione che ha premiato il nostro sindacato con oltre il 20% di consensi in più rispetto anche al più che lusinghiero risultato delle precedenti elezioni del 2018.

Ringraziamo i colleghi e le colleghe che votandoci hanno creduto in noi e riposto la loro fiducia nei nostri candidati e candidate, ringraziamo tutti i nostri candidati per l'impegno profuso che ha consentito di raggiungere questo ottimo risultato, la campagna elettorale è stata intensa e impegnativa, ma svolta con garbo, stile e correttezza, cui tutti hanno contribuito in diversa misura ma con lo stesso obiettivo da raggiungere, per cui possiamo affermare che il nostro è stato indubbiamente un successo di squadra.

 

RSU 2022

 

L’INPS Informa - Esonero di 0,8 punti percentuali sulla quota dei contributi previdenziali per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico dei lavoratorei dipendenti- Istruzioni operative e contabili

Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022 i lavoratori dipendenti, con retribuzione imponibile fino a 35.000 euro all'anno, pari a circa 2.692 euro lordi mensili, possono beneficiare di uno sconto dei contributi previdenziali nella misura dello 0,8 punti percentuali, previsto dalla legge di Bilancio 2022.

L’INPS, con la circolare n. 43 del 22 marzo 2022, ha fornito le indicazioni utili all’applicazione dell’esonero contributivo riconosciuto, ai sensi della legge di Bilancio 2022 (l. n. 234/2022), in favore dei lavoratori subordinati.

Lo sgravio riguarda la quota dei contributi IVS trattenuti a carico dei lavoratori e spetta a condizione che la retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non ecceda l'importo mensile di 2.692 euro maggiorato, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima. La fruizione dell’esonero non costituisce aiuto di Stato e dunque non è subordinata all’autorizzazione della Commissione europea.

La legge 30 dicembre 2021, n. 234 (di seguito, legge di Bilancio 2022) ha previsto all’articolo 1, comma 121, che: “In via eccezionale, per i periodi di paga dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, per i rapporti di lavoro dipendente, con esclusione dei rapporti di lavoro domestico, è riconosciuto un esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore di 0,8 punti percentuali a condizione che la retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non ecceda l'importo mensile di 2.692 euro, maggiorato, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima. Tenuto conto dell'eccezionalità della misura di cui al primo periodo, resta ferma l'aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche”.

Leggi tutta la Circolare n.43 del 22 marzo 2022 con le istruzioni operative e contabili

 

Ufficio Studi : IL NUOVO SISTEMA DI DETRAZIONI FISCALI

Dal 1° gennaio 2022, a seguito dell’abolizione del credito IRPEF, è abolito in parte il famoso bonus Renzi di 100 euro ed accorpato nelle detrazioni fiscali sui redditi da lavoro dipendente, per effetto delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2022.

circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 4 pubblicata il 18 febbraio 2022.

Legge di Bilancio 2022

 
INPS
Assegno per il nucleo familiare. Nuovi livelli reddituali: luglio 2002 - giugno 2023



Previdenza

Modulo Non adesione al Fondo Perseo Sirio

Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by



Modalità Mobile