Ultime News
Le Nostre Sedi sul territorio




Photogallery

Contratti
ARAN

Orientamenti applicativi aggiornati al 2021
CCNL Comparto Istruzione e Ricerca
''Sezione Università’’

Aspettative/Congedi

Formazione

Malattia  e Assenze per visite, terapie e prestazioni specialistiche

Permessi

Ferie, Festività  e riposi solidali

Sistema di classificazione

Istituti particolari

Orario di lavoro

Rapporto di lavoro flessibile

Trattamento economico

Parte Comune ''Responsabilità disciplinare''

Raccolta Sistematica
Orientamenti Applicativi
Comparto Università


FERIE e FESTIVITA'

ASSENZE per MALATTIA

Orientamenti Applicativi - aggiornati a dicembre 2016

 

Permessi retribuiti
Permessi brevi

Permessi per
diritto allo studio

 

Guida Operativa aggiornata a dicembre 2016

Accordo Quadro in materia di TFR e di Previdenza Complementare del 29 luglio 1999

L’adeguamento retributivo e contributivo nel passaggio dal TFS al TFR dei pubblici dipendenti ai sensi dell’art. 6 dell'AQN


RSU

Quotidiani online
Link Utili

Legge di Stabilità: Cavallaro (Cisal), "basta manovre lacrime e sangue"

Torino, 18 ottobre 2014 - "Basta manovre lacrime e sangue, il cui unico effetto è l'impoverimento di lavoratori e imprese. È ora di ragionare in termini innovativi, superando storiche contrapposizioni che sono ormai puramente ideologiche. In questo modo, il Governo smetterà di leggere, nel confronto con le organizzazioni sindacali, possibili limiti all'agibilità politica. Solo la discontinuità rispetto all'approccio tradizionale può restituire al sindacato un ruolo socialmente utile, che dia un contributo costruttivo all'azione politica del Governo.

 

LEGGE DI STABILITA' P.a., confermato il blocco del Ccnl

Congelamento prolungato al 31/12/2015 - Confermato il blocco della contrattazione e dei salari per i dipendenti pubblici. Come già ampiamente annunciato nelle settimane scorse dal ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, la legge di stabilità 2015 prolunga fino al 31 gennaio 2015 il congelamento degli emolumenti (..) Fonte Italiaoggi.it

NdS Un annuncio ufficiale che si paventava da tempo. infatti Arturo Maullu segretario generale del CSA della Cisal Università nel suo recente articolo del 7 ottobre us pubblicato su questo sito aveva scritto che L’Aran nell’ultimo incontro tenutosi con i sindacati aveva già confermato la totale chiusura del Governo per la riapertura dei Contratti nel Pubblico Impiego. L’Aran infatti nel corso dell’incontro si era limitata a discutere esclusivamente di argomenti inerenti la parte normativa, …. Leggi tutto

 

 

CISAL: Jobs Act insufficiente senza riforma del Fisco

Francesco Cavallaro  - segretario generale CISAL

Il decreto Poletti, ormai legge, per espressa dichiarazione dello stesso Ministro rappresenterebbe il primo dei tanti passi che il Governo intende compiere sul tortuoso terreno del mercato del lavoro. Ad avviso del Segretario Generale della Cìsal, comunque, si tratta di un provvedimento insufficiente per raggiungere i pur dichiarati obiettivi di rilancio dell'occupazione e di semplificazione degli adempimenti a carico del datore di lavoro. Vedremo cosa succederà con il jobs act presentato però sotto forma di disegno di legge delega e tutt’ora all'esame della Camera, dopo una contrastata prima approvazione con ricorso alla fiducia da parte del Senato.

Resta purtroppo irrisolto il problema del come creare lavoro ed è del tutto semplicistico per non dire strumentale, ritenere l’art. 18 la causa di tutti i mali, eliminata la quale come per incanto si risolverebbe il drammatico problema dell'occupazione. Non è cosi, purtroppo. Il lavoro si crea con gli investimenti.

 

Documento CRUI sulla Medicina Universitaria 10/2014 - Allegati

Documento CRUI sulla Medicina Universitaria 10/2014  - Premessa e Riferimenti Normativi - Gestione della Medicina Universitaria - La Formazione Medico-Sanitaria e Specialistica - Accesso programmato al Corso di Studio in Medicina e Chirurgia - Ricerca Sanitaria - Allegati

 

Problematiche Ud'A - il CSA della Cisal Università chiede l'intervento del prefetto di Chieti

Rete8 Intervista il segretario nazionale Giuseppe Polinari

Chieti 8.10.2014 " Prima di tutto chiederemo un incontro urgente al prefetto di Chieti, subito dopo andremo in Procura e anche lì pretenderemo di sapere, da chi sta svolgendo le indagini su talune ormai note vicende interne alla d'Annunzio, perchè nulla si muove, ma soprattutto perchè questo signore continua a permettersi certe azioni dal sapore spudoratamente antisindacale!". Senza mezzi termini il segretario nazionale Cisal-Università Giuseppe Polinari: è arrivato oggi da Roma per incontrare gli iscritti al suo sindacato, tra gli oltre 300 amministrativi Ud'A in stato di agitazione da ormai tre mesi ( ossia da quando è scoppiata la bomba dell'IMA tagliata in busta paga dal dg Del Vecchio), Polinari si domanda "come sia possibile che un direttore generale di un'università, perlaltro così rappresentativa del territorio abruzzese anche solo per il nome che porta, possa gestire questioni così delicate per l'immagine dell'Ateneo e la vita dei suoi dipendenti con fare mai conciliante, anzi alzando ogni giorno un muro sempre più alto".

 

CISAL - richiesta interpellanza parlamentare per mancata convocazione

La Confederazione CISAL, alla luce della mancata convocazione da parte del Governo per l'incontro con i rappresentanti sindacali del 7 u.s. si è attivata a chiedere una interpellanza parlamentare di cui si riporta il testo quì di seguito.

 

COMUNICATO STAMPA CISAL - Il Governo Renzi discrimina la CISAL

Francesco Cavallaro - Segretario Generale  CISAL

Roma, 07/10/2014 – Escludendo la CISAL dal confronto di questa mattina tra il Governo e i vertici sindacali, il Governo Renzi ha attuato una grave forma di discriminazione nei confronti della Confederazione storica dell’autonomia sindacale, presente nel mondo del lavoro dal 1957. “Non è un bel gesto”, commenta il Segretario Generale Francesco Cavallaro. “Non lo è in assoluto e contraddice lo stesso Premier, che lamenta un deficit di democrazia sindacale nel nostro Paese e per questo sostiene la necessità di una legge sindacale. Ma la democrazia, intanto, perché non comincia a rispettarla lo stesso Presidente del Consiglio?”. Fonte cisal.org

 

 

Comunicato Segreteria Nazionale

A cura di Arturo Maullu - Segretario Generale CSA della Cisal Università

L’incontro tenutosi all'ARAN ha confermato la totale chiusura da parte del governo per la riapertura delle trattative per i rinnovi dei Contratti nel Pubblico Impiego bloccati ormai dal 2009.

L’ARAN infatti, nel corso dell’incontro con i sindacati, si è limitata a discutere esclusivamente di argomenti inerenti la parte normativa, (in pratica stanno cercando di limare ulteriormente i diritti acquisiti, quali le assenze per malattia, i permessi studio, etc..), senza entrare nel merito del blocco economico dei contratti. Così, mentre da una parte si lamenta la stagnazione dei consumi (siamo in deflazione) e si costringono circa 3 milioni di lavoratori con le loro famiglie a limitare ulteriormente le spese, con conseguenze sempre più gravi sull’intero sistema economico, dall’altro, si impedisce l’adeguamento degli stipendi bloccati ormai da 5 anni.

 

Istat: spesa per gli statali giù di 7,8 mld in tre anni

Secondo l'Istituto di statistica, tra il 2010 e il 2013 il costo per i dipendenti pubblici è sceso del 4,5% del totale. A determinare i risparmi il blocco della contrattazione e i limiti al turnover. La voce "redditi da lavoro dipendente" per lo Stato è sempre più leggera: il costo dei dipendenti pubblici si è ridotto in soli tre anni di quasi otto miliardi di euro. Certo, si parla sempre di cifre significative, siamo a 164,7 miliardi di euro, ma il blocco della contrattazione e i limiti al turnover hanno prodotto i loro effetti.

 

Riforma Pensioni, nelle Pa scatta il pensionamento d'ufficio

Per effetto del decreto legge di Riforma della Pubblica Amministrazione la generalità dei dipendenti pubblici potrà essere collocata a riposo d'ufficio già a 62 anni a condizione che siano stati raggiunti i requisiti per la pensione anticipata. Con la definitiva conversione in legge del provvedimento di Riforma della Pubblica Amministrazione sono entrate in vigore alcune misure che interessano l'età pensionabile nel pubblico impiego. In particolare sarà piu' difficile per i lavoratori delle Pa raggiungere i requisiti per la pensione di vecchiaia, fissati com'è noto, in 66 anni e 3 mesi di età, qualora sia stato perfezionato un diritto a pensione anticipata prima dell'età per il trattamento di vecchiaia. L'articolo 1 del Dl 90/2014 concede infatti la facoltà di procedere al collocamento d'ufficio i lavoratori che abbiano raggiunto i requisiti per la pensione anticipata (41 anni e 6 mesi per le donne e 42 anni e 6 mesi per gli uomini) all'età di 62 anni. La legge prescrive che la decisione della Pa dovrà essere in tal caso motivata con riferimento alle esigenze organizzative e senza pregiudizio per la funzionale erogazione dei servizi e data con un preavviso di 6 mesi all'interessato. La risoluzione potrà riguardare, per esplicita indicazione, anche i dirigenti. La risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro può anche essere esercitata, con le medesime condizioni, nei confronti dei dirigenti medici del ruolo sanitario ma in tal caso non prima dei 65 anni.

 

Tabelle Assegni Familiari
luglio 2020 - giugno 2021


Meteo

Tutto su IMU e TASI

Convenzioni

Powered by



Modalità Mobile